Dischi 2014, i 50 anniversari di grido e le ristampe più importanti

dischi-2014-anniversari-ristampe

dischi-2014-anniversari-ristampe

E’ iniziato il 2014, vediamo quali sono i 50 anniversari (e le probabili ristampe che arriveranno nei prossimi mesi) dei dischi migliori usciti rispettivamente nel 2004, 1994, 1989 (su su, il venticinquennale è oramai considerato un avvenimento da celebrare punto e basta), 1984, 1974 e 1964! Per fare ciò abbiamo abusato del nostro progetto di analisi sulla storia della musica che sarà completato entro fine mese. Manca qualcosa? Sicuramente, ma non è stato facile selezionare gli album, cercando di essere equilibrati e di non calcare troppo la mano sull’underground (come in realtà avremmo voluto fare!). Eccovi le nostre scelte, in ordine cronologico e alfabetico all’interno dei periodi considerati.

2004

1. Arcade Fire – Funeral: esordio di una band che dieci anni dopo è in cima al mondo.
2. Biagio Antonacci – Convivendo: con questo album Biagio conquista definitivamente il grande pubblico.
3. Franz Ferdinand – Franz Ferdinand: chitarre post punk e attitudine melodica e danzereccia per l’esordio dei FF.
4. Kanye West – The College Dropout: esordio per uno dei leader assoluti dell’hip hop contemporaneo.
5. The Killers – Hot Fuss: Brandon Flowers e soci suonano più inglesi di una band inglese del 1982…
6. Alter Bridge – One Day Remains: Mark Tremonti apre un altro capitolo fondamentale dell’era post grunge.
7. Green Day – American Idiot: una super punk rock opera e la svolta nella carriera del trio.
8. Killswitch Engage – The End Of Heartache: cambia il singer ma i KSE rimangono i leader della scena metalcore.
9. Papa Roach – Getting Away With Murder: ultimi succulenti sussulti nel genere nu/rap metal.

dischi-2014-anniversari-ristampe

1994

10. Blur – Parklife: un manifesto assoluto del britpop.
11. Jeff Buckley – Grace: un miracoloso punto d’incontro fra antico e moderno.
12. Oasis – Definitely Maybe: un altro manifesto assoluto del britpop.
13. Dream Theater – Awake: secondo capolavoro a due anni di distanza dal primo per la prog metal band.
14. Green Day – Dookie: Basket Case segna l’inizio della rivoluzione pop punk.
15. Nirvana – Mtv Unplugged In New York: esce dopo la morte di Kurt, e fa piangere tutti.
16. Soundgarden – Superunknown: l’espressione massima dell’arte della grunge band di Seattle.
17. Korn – Korn: l’inizio dell’era nu-metal.
18. Machine Head – Burn My Eyes: derivativo ma fondamentale per l’evoluzione del metal iper distorto.
19. Nine Inch Nails – The Downward Spiral: sperimentazione industrial metal e accessibilità ‘pop’ in un abbraccio mortale.
20. Pantera – Far Beyond Driven: uno dei dischi più violenti di sempre debutta al primo posto di Billboard…

dischi-2014-anniversari-ristampe

1989

21. Aerosmith – Pump: hard rock tostissimo, sfavillante e ricoperto di lustrini.
22. Cure – Disintegration: lontani dai tempi del puro dark sound, Robert Smith e compagni raggiungono un nuovo vertice creativo.
23. Elio e le Storie Tese – Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu: rock e funk, disco e progressive, synth – pop e fusion: il crossover degli Elii è ben più serio di quanto si creda.
24. Motley Crue – Dr. Feelgood: più di sei milioni di copie per la grande glam metal band.
25. Sepultura – Beneath The Remains: la furia del thrash/death metal brasiliano dei Sepultura giunge alla propria espressione migliore.

dischi-2014-anniversari-ristampe

1984

26. Bruce Springsteen – Born In The U.S.A.: il Boss diventa definitivamente un’icona della musica a Stelle e Strisce e l’eroe della classe operaia statunitense.
27. Bryan Adams – Reckless: il miglior disco di Bryan Adams, in cui la vena commerciale abbraccia il rock da arena.
28. Bon Jovi – Bon Jovi: il duro esordio entrato profondamente nei cuori dei die hard fan.
29. Celtic Frost – Morbid Tales: le origini del black metal, con tanto di chitarre zanzarose e atmosfera di fondo malsana.
30. Fabrizio De André – Crêuza de mä: forse il più grande disco italiano della storia, che riceve persino le lodi di David Byrne.
31. Iron Maiden – Powerslave: il picco assoluto della loro creatività e la fine dell’era classicamente metal iniziata nel 1980.
32. Madonna – Like A Virgin: il secondo album della Regina del pop è l’inizio del mito.
33. Manowar – Hail To England: la definitiva consacrazione europea per la band americana portatrice del verbo dell’epic metal.
34. Metallica – Ride The Lightning: un album in cui i quattro presentano IL thrash metal di quegli anni.
35. Prince – Purple Rain: il suo più grande successo commerciale, sintesi magistrale fra musica nera e new wave bianca.
36. Run-D.M.C. – Run-D.M.C.: il debutto che fece sbarcare il rap su MTV. Fondamentale.
37. The Smiths – The Smiths: uno degli esordi più seminali di sempre, in grado di formare migliaia di band indie/alternative pop.
38. U2 – The Unforgettable Fire: lo storico album di “Pride”, il modello al quale gli U2 si affideranno per compiere l’ultima, estrema metamorfosi.
39. Van Halen – 1984: il picco assoluto di creatività e celebrità del combo guidato da Eddie Van Halen, l’ultimo con David Lee Roth alla voce.

dischi-2014-anniversari-ristampe

1974

40. Area – Caution Radiation Area: la leggenda progressive nazionale incide il proprio disco più duro e ostico.
41. Bob Marley & The Wailers – Natty Dread: il primo lavoro in cui campeggia protagonista il nome di Bob Marley. Pietra miliare.
42. Deep Purple – Burn: il più significativo lavoro dei Deep Purple nella nuova formazione del Mark 3.
43. Kraftwerk – Autobahn: uno degli album più importanti nella storia del sound elettronico.
44. Kiss – Kiss: le quattro facce pitturate che hanno portato una ventata d’aria fresca nel panorama dell’hard rock dell’epoca.
45. Lucio Battisti – Anima latina: una delle testimonianze più originali e creative nella storia della musica leggera italiana.
46. Queen – Sheer Heart Attack: i Queen decidono di alzare il tiro e di abbandonare ogni freno inibitore della loro creatività.

dischi-2014-anniversari-ristampe

1964

47. Johnny Cash – I Walk The Line: uno dei pochi LP di Johnny Cash ad aver raggiunto il disco d’oro, oltre ad essere uno dei più belli.
48. Rolling Stones – The Rolling Stones: un esordio composto essenzialmente di cover, per il Big Bang degli Stones.
49. Simon & Garfunkel – Wednesday Morning, 3 a.m.: il primo disco del duo che reinventò il folk rock acustico.
50. The Beatles – A Hard Day’s Night: la colonna sonora del loro omonimo film. Il momento in cui i Beatles divennero più famosi di Elvis.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.