Giancarlo Bigazzi morto a 71 anni

Giancarlo Bigazzi morto

Giancarlo Bigazzi morto

E’ morto ieri all’ospedale Versilia di Viareggio Giancarlo Bigazzi, uno fra i più grandi autori (parolieri si diceva un tempo) della musica italiana dagli anni Sessanta in poi. Sue, infatti, sono alcune delle canzoni italiane più note del dopoguerra, come “Luglio” e “Lisa dagli occhi blu“, così come alcuni dei maggiori successi di Massimo Ranieri portano la sua firma, fra cui “Rose rosse“, “Erba di casa mia” e “Vent’anni“. Ma le sue collaborazioni non finiscono qui: è fra gli artefici del successo di Umberto Tozzi, del cui talento è il primo ad accorgersi e per cui verga i testi di “Si può dare di più“, “Gloria“, “Ti amo” e “Io camminerò“. Infine, negli anni Novanta si occupa di alcuni cantanti toscani quali Marco Masini, Paolo Vallesi e Aleandro Baldi, formando una sorta di confraternita fiorentina. Neppure il cinema esula dalle sfere del suo interesse: infatti compone le colonne sonore dei filmMediterraneo” (Gabriele Salvatores), “Mery Per Sempre” e “Ragazzi Fuori” (entrambi di Marco Risi).


Bigazzi, però, non è stato soltanto un autore ‘serio’. Fra i più grandi successi della sua carriera ci sono gli Squallor, il gruppo goliardico-demenziale fondato quarant’anni fa insieme a Daniele Pace, altro paroliere d’eccezione, al musicista Toto Savio ed ai discografici Alfredo Cerruti ed Elio Gariboldi; gli Squallor vennero fondati proprio perché i diretti interessati si erano stancati della routine discografica italiana. Con loro, Bigazzi raggiungerà un grosso successo di pubblico, sfornando 14 dischi in soli 21 anni (l’ultimo, “Cambia Mento“, è del 1994) e comparendo anche nei due film realizzati dal gruppo, “Arrapaho” (1984) e “Uccelli d’Italia” (1985).

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.