Music Attitude

Jack Jaselli in concerto a Torino, sabato 3 luglio

Sabato 3 luglio JACK JASELLI AND THE GREAT VIBES FOUNDATION saranno in concerto al GRUVILLAGE di Torino (Punto Verde c/o Centro Commerciale Shopville Le Gru – Via Crea n.10 – 10095 Grugliasco – TO) per presentare i brani del disco d’esordio “IT’S GONNA BE RUDE, FUNKY, HARD…” (Edel). La band sarà tra gli ospiti della serata d’inaugurazione (apertura cancelli ore 20:00 – INGRESSO GRATUITO): il festival, giunto alla sua 5° edizione, è ormai divenuto un punto di riferimento culturale e d’intrattenimento dell’estate torinese.

“IT’S GONNA BE RUDE, FUNKY, HARD…” rappresenta i sogni e i viaggi (da Bali a Bangkok passando per l’Australia) di JACK JASELLI AND THE GREAT VIBES FOUNDATION (Nik “The Sticks” Taccori, voce e percussioni; Enea “Il Conte” Bardi, basso e tastiere; Fabrizio “Fab” Friggione, voce e chitarre). Il cd racchiude una musica raccontata da una voce unica, intrecciata da chitarre acustiche, elettriche e batterie decise che si fondono a ritmi soul e reggae scaturiti da momenti solidamente funky e romantici. L’intento di JACK JASELLI è quello di creare un prodotto discografico totalmente fatto in Italia da musicisti e tecnici italiani, che per una volta non parli del mondo in italiano ma dell’Italia e del mondo in inglese con coerenza, onestà e forza.

Jack Jaselli nasce il 25 giugno 1980 a Milano e cresce viaggiando per il mondo. È un cantante, chitarrista e autore. Laureato in Filosofia, negato totalmente per gli sport di squadra, è un grande appassionato di surf e pugilato. Fin da piccolo studia diverse lingue (inglese, francese, tedesco) e impara per conto suo lo spagnolo. A 12 anni durante una lezione di musica alle scuole medie scopre di poter cantare e da li non ha mai smesso. A 13 anni il primo incontro con il pugilato e in particolare con Romolo Calvenzi che ha rappresentato sempre una fonte d’ispirazione nella sua vita. A 14 anni scrive le sue prime canzoni e al liceo suona in molti gruppi punk per poi scoprire la musica elettronica. A 17 anni Inizia a viaggiare da solo, zaino in spalla e via. Un po’ per seguire le onde (pur non essendo un surfista eccelso) un po’ per suonare in giro e soprattutto per vedere e vivere. Dopo vari lavori (volontario in un centro di biologia marina su un’isola al largo di Seattle, riparatore di resistenze in Svezia e in Australia) all’università studia Filosofia, la sua passione che lo tenta tanto da portarlo a pensare di dedicarsi alla carriera accademica. Nel frattempo frequenta per un anno la Scuola Civica di Jazz, scopre il mondo della black music, del gospel (canta in vari cori) e lavora in vari studi di registrazione come vocalist, compositore, autore di testi per pubblicità e produzioni. Dopo la laurea in Filosofia, deluso da ciò che aveva visto dell’ambiente musicale e accademico decide di lavorare per un anno in radio (Play Radio, poi Virgin) come autore e speaker. Questa esperienza illuminante gli fa capire cosa “non” vuole fare. Si dedica allora completamente alla musica e scrive nuovi brani che registra insieme a Nik Taccori (il primo a credere nel progetto e a farne parte) e al contrabbassista argentino Roberto Seitz. Nasce “The House In Bali”, il primo singolo, pubblicato in modo indipendente come Giacomo Jaselli Y Los Magicos: viene scelto come “uno dei 30 brani dell’estate 2007”, vince un concorso sul sito Peter Harper (scultore, fratello di Ben), e guadagna l’airplay radiofonico su Radio Deejay. Inizia un’incessante attività live. Dopo “The House In Bali” cambia produzione e decide di formare la band chiamando Fabrizio Friggione alle chitarre e Enea Bardi come bassista e arrangiatore. Al Gran Gran Studio di Bardi registra un ep dal titolo “Paper Stars”. Dopo aver costruito una solida credibilità live, partecipano a due edizioni del Mi Ami e inventano e propongono anche l’Headphonk live: un live in cuffia, muto per i passanti ma in full effect per chi indossa le cuffie attaccate al mixer in cui vengono convogliati tutti gli strumenti. Nel 2009 gli viene chiesto di presentarlo ad Artissima a Torino. Decide di registrare con la band un nuovo disco, totalmente autoprodotto e ancora una volta registrato al Gran Gran Studio di Enea Bardi. Nasce “IT’S GONNA BE RUDE, FUNKY, HARD…”. In tutto questo continua a viaggiare e a portare la mia musica in ogni posto possibile armato della sua mini-chitarra da viaggio!

www.jackjaselli.com – myspace.com/jackjaselli – face book.com/jackjaselli – youtube.com/jackjaselli

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.