Music Attitude

Judas Priest Rob Halford nei guai

Judas Priest Rob Halford Nei Guai

Pare che Rob Halford, iconico leader dei Judas Priest, possa esser messo nei guai dal suo ex manager, il quale ha fatto causa al Metal God per la modica cifra di 50 milioni di dollari. John Baxter si è occupato del cantante dal 1982 fino all’agosto scorso, quando è stato licenziato. Ora però si vuol rivalere, e sostiene che Halford, gli altri membri dei Judas Priest e l’intero team di management della band abbiano commesso frode, violazione contrattuale e interferenza volontaria sulle relazioni contrattuali. Per questo chiede, come sopraddetto, 50 milioni di dollari per danni. Baxter sostiene inoltre che ha pure scoperto, sempre lo scorso agosto, che il cantante gli dovrebbe alcuni milioni di dollari per altre violazioni contrattuali, le quali includono insolvenze sul pagamento di commissioni, salario e spese varie, risalenti al 1992.


Judas Priest – Freewheel Burning on MUZU.

Halford licenziò Baxter in agosto tramite una lettera del suo avvocato, in cui si sosteneva che il manager “non stava agendo negli interessi di Halford“, avendo fra l’altro pubblicato commenti volgari sul sito ufficiale dell’artista e “provocato un’intollerabile tensione” nei suoi rapporti con gli altri membri dei Judas Priest.


Judas Priest – Love Bites on MUZU.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.