MiOdi 2010 al Circolo Magnolia di Segrate (Milano) il 9 giugno

A un anno esatto dalla prima edizione e dal suo grande successo (oltre 2000 persone, sempre di Mercoledì) torna il MiOdi, il festival a volume smodato per l’uomo e la donna che non devono chiedere mai. Anche perchè basta guardare la lista dei gruppi. Cos’altro potrebbero mai volere, quei due? Lo scopo è sempre lo stesso: fare un rumore infernale e tracciare una mappa dei suoni “pesanti” che fanno tremare sale prova, locali, stereo, iPod, casse del computer, salotti, camere, camerette e autoradio di tutta Italia (e non solo). E divertirsi. A essere sinceri soprattutto questo. La storia della mappa ce la siamo inventata per darci un tono.

Le novità principali di quest’anno sono due.

La prima è l’apertura a gruppi non italiani. Sono tre: 16 (USA), Amen Ra (BE) e Nadja (CAN): ottimi e raccolti a mano. Perché tutti lo dicono ma noi ci crediamo davvero: nella musica i confini non dovrebbero esserci. Il MiOdi non è un festival metal, non è un festival hardcore, non è un festival punk. O noise. O d’avanguardia. O un festival di gruppi italiani, se per questo. Non l’avevamo mai detto, infatti. Quindi quest’anno ci siamo presi la libertà di scegliere una manciata di gruppi stranieri e mischiarli con quelli di casa nostra. D’altronde, voi credete forse che gli Zu o i Cripple Bastards (headliner dell’anno scorso) siano gruppi italiani? All’anagrafe forse. Ma per forza, stile e importanza proprio no.

La seconda novità è l’aggiunta di un palco, detto “il Messicano”. Così fan quattro. La scelta arriva dalla voglia di stringere ulteriormente il rapporto fra band e pubblico: il messicano, infatti, è aperto su tre lati e annulla il concetto di “prima fila”. Un modo come un altro (anzi no: un modo migliore) per godersi i concerti.

Come l’anno scorso ci sarà da mangiare, e come l’anno scorso ci saranno i banchetti con strumenti musicali, dischi, magliette, libri e altro. Oltre all’ovvio merchandising dei gruppi.

Il cast definitivo, anche quest’anno al netto di sorprese e catastrofi:

Main Stage: Ufomammut e Amen Ra

Messicano: Fine Before You Came, 16, Jacopo Zu + Giulio “Ragno” Favero, Lento, Viscera/// e Gandhi’s Gunn

OutFrog Stage: 3/4 Had Been Eliminated, Psychofagist con Luca Zu, Ovo+Nadja performing The Life & Death Of A Wasp, Putiferio, Vulturum, Tsubo, Orange Man Theory

InFrog Stage: Fuzz Orchestra, Dyskinesia, Mongolian Barbecue (con Massimo Zu), Be Maledetto Now!, gRÄFENBERg

Da qualche parte, a un certo punto: Zeus!

Ai concerti “ufficiali” si aggiungeranno altre chicche strada facendo (ed eventualmente qualcosa che ci verrà in mente il 9 Giugno stesso). La più originale riguarda lo spazio dedicato a Xabier Iriondo e Sound Metak, il suo atelier e negozio di strumenti musicali artigianali a Milano. Xabier porterà, oltre all’esposizione di strumenti -da poter provare in loco-, degli ospiti che suoneranno dei micro-set (sotto i 10 minuti) destinati a rappresentare ulteriori schegge impazzite in un programma già densissimo.

MIODI 2010
Seconda edizione
9 Giugno dalle 18.00
Ingresso: 10 Euro
Circolo Magnolia
via Circonvallazione Idroscalo, 41 20090 – Segrate (MI)
Tel: 02 7561 046 | Infoline: 333 85 34 814
Mail: [email protected]
Web: http://miodi.blogspot.com /// http://www.rockit.it/miodi /// http://www.circolomagnolia.it

Ricordate che per il Magnolia estivo la tessera ARCI NON SERVE!

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.