Music Attitude

Prima edizione di Music Workshop a Milano

Mentre a Milano ci si lecca le ferite visto che la nuova giunta provinciale ha tagliato la storica rassegna musicale Suoni e Visioni, da una coproduzione tra la Triennale di Milano e Ponderosa Music & Art nasce “Music Workshop”. La nuova rassegna musicale si terrà dal 10 maggio al 3 giugno.

 

La sede è il Teatro dell’Arte, spazio nuovamente gestito dalla Triennale di Milano, dove la musica è stata più volte protagonista (nel 1962 vi suonò il quartetto di John Coltrane e nel 1964 il quintetto di Miles Davis). La prima edizione di “Music Workshop” apre una finestra sulla musica internazionale contemporanea. Musica che frequenta lingue e generi in apparenza anche lontani tra loro, che non teme di sperimentare e percorrere nuove strade e che è soprattutto aperta e trasversale.

Ad aprire le danze, la prima delle tre serate contraddistinte da un doppio concerto: ad accomunare il franco-libanese Ibrahim Maalouf e i londinesi Portico Quartet una riletture moderna e contaminata del linguaggio jazz.
Subito dopo, il 13 maggio, toccherà a una delle voci della canzone d’autore al femminile: la cantante in libera uscita dai Lamb Lou Rhodes.
Nella seconda settimana, esibizioni, rispettivamente il 17 e il 22 maggio, per la strana coppia composta dal maestro maliano della kora Ballaké Sissoko e il violoncellista francese Vincent Ségal e per il musicista-performer canadese Gonzales, artista poliedrico e visionario conosciuto come produttore di Feist e Peaches.
Nella terza settimana, invece, largo al brasiliano Vinicius Cantuária, atteso il 24 maggio in versione solista; al compositore portoghese Rodrigo Leão (26 maggio); all’inafferrabile Arto Lindsay, figlio culturalmente parlando sia del Brasile anni 60 che della new wave della New York anni ’70 (27 maggio); e a un doppio set, il 28 maggio, che ha per protagonisti due pianisti: lo statunitense Dustin O’Halloran, co-leader dei Devics, e lo sperimentatore tedesco Hauschka.
Il 31 maggio sarà la volta dell’accoppiata del raffinato cantautore Piers Faccini e gli arditi jazzmen belgi Dez Mona.
A chiudere la rassegna saranno  il 3 giugno gli Zita Swoon, un combo belga che supera l’idea di genere (mescolano, rock, blues, pop, etnica, disco, techno, elettronica) e si confronta per l’occasione con la danza.

Ecco gli appuntamenti in breve:

lunedì 10 maggio, ore 21.00 (€ 12,00)
Ibrahim Maalouf e Portico Quartet

giovedì 13 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Lou Rodhes

lunedì 17 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Ballaké Sissoko e Vincent Segal

sabato 22 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Gonzales

lunedì 24 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Vinicius Cantuária solo

mercoledì 26 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Rodrigo Leão

giovedì 27 maggio, ore 21.00 (€ 15,00)
Arto Lindsay

venerdì 28 maggio, ore 21.00 (€ 12,00)
Dustin O’Halloran & Hauschka

lunedì 31 maggio, ore 21.00 (€ 12,00)
Dez Mona e Piers Faccini

giovedì 3 giugno, ore 21.00 (€ 15,00)
Zita Swoon – “Dancing with the sound hobbyist”

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.