Rihanna Man Down video, svelato il retroscena

Rihanna Man Down Video

I produttori di “Man Down“, ultimo singolo di Rihanna del quale è stato realizzato l’ormai celebre video-shock, hanno spiegato la motivazione che sta dietro ad esso. Infatti, si tratterebbe di una risposta alla classica “I Shot The Sheriff” di Bob Marley.

La canzone ed il suo video, che mostra la cantante mentre spara al suo violentatore dopo essere stata stuprata, hanno ovviamente sollevato parecchie controversie, tanto che negli USA il Parents Television Council ha accusato il brano dicendo che promuoverebbe l’omicidio, mentre Rihanna ha risposto che voleva solo dar voce alle vittime.

Ora a prender parola sono i fratelli Theron e Timothy Thomas, produttori del pezzo, che hanno affermato di aver preso ispirazione da Marley. “Quando abbiamo scritto il pezzo, io e mio fratello abbiamo cercato di ricreare nel miglior modo possibile quella che avrebbe potuto essere una versione al femminile di I Shot The Sheriff di Bob Marley”, ha detto Timothy. Theron ha poi aggiunto: “Volevamo realizzare una canzone sulla quale ognuno potesse formarsi una propria opinione. Ecco il perchè delle polemiche: alcuni l’hanno percepita come una metafora, mentre altri l’hanno presa in senso letterale”.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.