Music Attitude

Saint Vitus al Bloom di Mezzago (MI) il 14/2

Riceviamo e pubblichiamo.

HARD STAFF presenta
SAINT VITUS (featuring WINO)
www.saintvitusreturn.com

con

CENTURIONS GHOSTS
www.myspace.com/centurionsghost

UNICA DATA ITALIANA
14 FEBBRAIO 2010
BLOOM, MEZZAGO (MI)

Saint Vitus, una delle band che ha fatto la storia del doom metal, forse la più importante dopo i seminali Black Sabbath, un gruppo indimenticabile soprattutto grazie al carismatico Wino, cantante che dopo anni è finalmente ritornato nella formazione originale. Insieme a band come Trouble, Pentagram e Obsessed, i Vitus sono stati i primi a dare al doom quella sua atmosfera cupa e oscura, quella aggressività ai limiti della schizofrenia, che ancora oggi caratterizza questo genere e che in tanti cercano di imitare, con scarso successo.
Il primo epico self titeled è datato 1984, un debutto prodotto da Greg “Black Flag” Ginn per la sua SST Records, a cui seguono l’EP Walking Dead e l’album Hallow’s Victim nel 1985. Nonostante un acerbo e discreto successo di questi primi lavori è nel 1986 che i Vitius raggiungono la fama, grazie all’arrivo alla voce di Wino, già frontman di Obsessed.  
Con la nuova ormazione la band produce prima Born To Late (SST/1986) – che diventa immediatamente un classico del genere – e poi Mournful Cries, un vero e proprio inno al doom metal. Nel 1990 arriva il capolavoro V, grazie anche al pezzo I Bleed Back questo album diventa il vero masterpiece della discografia dei Saint Vitus e dell’intera storia del doom: una produzione grezza, quasi primitiva, crea un mix inconfondibile di oscurità, purezza e disperazione più totale, un oblio di suoni che dona alla band il dominio sulla scena mondiale.
L’influenza dei Saint Vitus è inconfondibile, fin dai primissimi anni ’90, dai Soundgarden ai Grief fino ai Down, tutti attingono a piene mani dall’eredità lasciata da questa ineguagliabile band.
Nel 1991 si apre un nuovo capitolo, Wino lascia il gruppo per riformare gli Obsessed, e a lui subentra il discreto Christian Linderson dei Count Of Raven: i lavori che seguiranno non saranno più gli stessi, ai Saint Vitus manca una pedina fondamentale, e lo sentono tutti, in primis la band che sostituisce Christian con il cantante del debutto Scott Reagers nel 1994, ma l’alchimia non c’è più e i Saint Vitus si sciolgono.

Dopo quasi una decina d’anni una voce inizia a girare nell’underground e ad agitare l’ambiente metal, il ritorno dei Saint Vitus nella formazione assoluta: Dave Chandler, Wino, Mark Adams, e Armando Acosta.
Inutile dire che la reunion, prima prevista per sole due esclusive date, ha un successo enorme, memorabile l’accoglienza al festival “With Full Force” in Germania, successo che spinge i Saint Vitus a tornare in modo stabile sui palchi di tutto il mondo.
A quasi 15 anni dall’ultimo lavoro in studio l’ossessione per i Saint Vitus non cala, una leggenda, immortali.

SAINT VITUS
CENTURIONS GHOSTS
14/02/2010 BLOOM, MEZZAGO
PORTE: 21.00
INIZIO CONCERTI: 21.30
PREVENDITE APERTE SUI CIRCUITI VIVATICKET E TICKETONE

Per info: www.hard-staff.com

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.