Music Attitude

The Killers Confermano di aver rubato una melodia di David Bowie

the killers

I The Killers hanno ammesso di aver rubato la linea di basso di un brano di David Bowie per uno dei loro singoli più famosi. In una recente intervista ad NME, nella quale hanno presentato con un track by track il loro prossimo best of “Direct Hits”, il cantante del gruppo Brandon Flowers ha confermato che il gruppo ha scippato da “Slow Burn”, uno dei singoli tratti da “Heathen” nel quale è presente anche Pete Townshend dei The Who come ospite, il giro di basso poi utilizzato per “All These Things That I’ve Done”, uno dei brani più affermati del loro repertorio.

Questa la dichiarazione rilasciata da Flowers: “Quando avevamo iniziato a scrivere questo pezzo, stavo ascoltando assiduamente All That You Can’t Leave Behind degli U2. Un gran ritorno per loro e sono sempre rimasto affascinato dalle grandi canzoni presenti in questo disco. Volevo incanalare lo spirito e l’anima degli U2. Volevo scrivere qualcosa che potesse essere accostata a questi brani. Abbiamo anche preso la linea di basso di Slow Burn, pezzo estratto dal disco di David Bowie Heathen, ma ormai è passato così tanto tempo che credo che lui non ci citerà in giudizio!“.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.