The Twilight Sad, a dicembre in Italia

Grinding Halt Concerti  presenta: the TWILIGHT SAD(UK)

Giovedì 12 Novembre / Torino – Spazio211
Via Cigna, 211
info: www.spazio211.com

Venerdì 13 Novembre / Roma – Circolo degli Artisti
Via Casilina Vecchia, 42
info: www.circoloartisti.it

Sabato 14 Novembre / Milano – Casa 139
Via Ripamonti, 139
info: www.lacasa139.com

more info:
www.grindinghalt.it
www.myspace.com/grindinghaltconcerti

Finalmente in Italia gli scozzesi Twilight Sad. Tra Mogwai, Interpol ed Editors.
In Italia per tre concerti:
Torino il 12 Novembre allo Spazio211, Roma il 13 Novembre al Circolo degli Artisti e Milano il 14 Novembre alla Casa 139.

Due anni fa con il loro esordio ‘Fourteen Autumns & Fifteen Winters’ i Twilight Sad hanno fatto parlare di se come di una promessa della scena indie post-rock britannica. Tra Editors ed Interpol ma con i Mogwai nel cuore, il quartetto di Kilsyth, vicino Glasgow, ha pubblicato ad oggi due album monolitici e ipnotici sulla scia della scena shoegaze di due decenni fa.

Con il suono di chitarra dei concittadini Mogwai pronto a stordire l’ascoltatore, l’astuzia melodica dei Pastels e una abilità unica nel costruire atmosfere rarefatte ed oscure i Twilight Sad hanno vinto la sfida con il pubblico e la critica ritagliandosi un posto nell’olimpo delle nuove band inglesi.

Sempre per Fat Cat, come per l’esordio e il primo Ep del 2006, la band ha appena pubblicato il nuovo ‘Forget The Night Ahead’, anticipato dal bellissimo singolo ‘I Became a Prostitute’ (brano capace di portare alla mente i migliori Interpol). Nel nuovo lavoro il quartetto scozzese decide per un album ancor più potente e monolitico che in passato, smorzato da toni wave di sapore morriseiano. Il lungo tour intrapreso nell’ultimo anno con i Mogwai fa capire la fonte delle influenze, ma nel nuovo album dei Twilight Sad si sente distintamente il sapore dei Gravenhurst più convincenti, degli Echo and the Bunnymen e la potenza ipnotica dei My Bloody Valentine.

I Twilight Sad sono maestri nell’alternare quiete e rumore, mettendo in moto sfuriate elettriche e barriere di suono tipiche della scena shoegaze anglosassone. Pregio della band e il modo in cui smorzano la tempesta di feedback elettrici con atmosfere eleganti e sulfuree dove a farla da padrone è la voce di James Grahan.

Dal vivo hanno suonato nei più importanti festival del mondo e con band di caratura internazionale, oltre ad essere adorati all’estero come poche altre band inglesi (Pitchfork ha incensato ogni loro uscita discografica).

Insieme agli I Like Trains i Twilight Sad sono una delle band più interessanti partorite dall’underground inglese negli ultimi tre anni.

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.