Music Attitude

Trumans Water e Lower Dens in tour in Italia a dicembre

Dna concerti
è felice di annunciare
tour in Italia
TRUMANS WATER

04 dicembre 2010 – Jesi (AN) – TNT

05 dicembre 2010 – Varese – Twiggy

06 dicembre 2010 – Milano – Circolo Magnolia

Dopo un break durato 7 anni tornano i Trumans Water, leggenda dell’indie rock di Sand Diego, per presentare il loro nuovo album O ZETA ZUNIS uscito per l’etichetta di Sufjan Stevens Asthmatic kitty, che ha deciso ora di ristampare anche tutti i loro lavori del passato.

Nati nel 1991 per opera dei fratelli Kirk and Kevin Branstetter, influenzati dal rock di Sonic Youth, The Boredoms e Captain Beefheart, i Trumans Water hanno realizzato sino a oggi ben 13 album e importanti collaborazioni con importanti nomi tra cui Thuston Moore, Chan Marshall e Azalia Snail e divenendo un punto di riferimento per moltissime band americane nate nell’ultimo decennio.

Amati dal grande John Peel per cui hanno registrato ben 3 peel sessions, nel 94 della band, composta originariamente dai fratelli Branstetter, Glen Galloway, Ely Moyal, Andres Malinao, Kevin Cascell, restano solo i Branstetter e Cascell che, trasferitisi in Oregon, ripartono praticamente da zero e pubblicano numerosi album.
Il gruppo continua a comunicare un sound selvaggio e dissonante; ma un senso piu` acuto per la forma-canzone, e il supporto di un grandioso batterista (Kevin Cascell) ci presenta di fatto un nuovo suono e una nuova band. Per la prima volta, si riescono a vedere temi che erano soltanto intuibili nei dischi precedenti.
Tre date da non perdere.

Read More:
www.trumanswater.com/
asthmatickitty.com/

Tour in Italia
LOWER DENS

09 dicembre 2010 – Varese – Twiggy
10 dicembre 2010 – Senigallia (AN) – Gratis
11 dicembre 2010 – Cavriago (RE) – Calamita

I Lower Dens nascono nel 2009, quando Jana Hunter decide di mettere su una band a tempo pieno. I lower passano il resto dell’anno scrivendo l’album Twin-Hand Movement registrato da Chris Freeland (ex-Oxes drummer; proprietor of Beat Babies, Baltimore ) missato da Chris Coady (at his DNA, NYC) e masterizzato da Sarah Register (of the Lodge, NYC and the band Talk Normal.)

Questo progetto segna quindi il ritorno di Jana Hunter. La protetta di Devendra Banhart  e della sua etichetta, la Gnomonsong, non è scomparsa, come sembrava.
La sua ultima comunicazione dal suo antro texano, in cui ha composto i suoi dischi solisti di stregonerie freak-folk, era datata 2007: da quel momento si è spostata in quel di Baltimora e ha messo insieme una band, che ora la accompagna in fascinose, ombrose digressioni.
 
Pur nell’appeal immutato della sua voce ruvida, che suggerisce qui un sabba urbano di movenze e rituali sfuggenti, indecifrabili, il cambio di riferimenti appare chiaro fin dalle prime battute – i primi Cure  o gli Echo & The Bunnymen  riappariranno per tutto il disco. Spettri dark-wave volteggiano così, spaesati, nell’atmosfera rarefatta del presente.
(Grazie a Ondarock.it)

Video:
http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=130408756&sc=tw&cc=share

READ MORE: ww.myspace.com/lowerdens

Informazioni al Pubblico: 
www.dnaconcerti.com – 06.47823484 – info@dnaconcerti.com

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.