Music Attitude

Deproducers: un viaggio tra note e stelle

Bello sfruttare il Planetario “Hoepli” di Milano per la presentazione di “Planetario: Musica Per Conferenze Spaziali”. Suggestiva idea, opera dei Deproducers, nome dietro il quale si nascondono quattro fra i musicisti più importanti nella scena musicale: Max Casacci – componente dei Subsonica – Vittorio Cosma – ex PFM che vanta collaborazioni con tantissimi musicisti tra cui Elio e le Storie Tese, Stewart Copeland ed Eugenio Finardi – Riccardo Sinigallia – ex Tiromancino – e Gianni Maroccolo -membro fondatore dei Litfiba e produttore di molti artisti tra cui Marlene Kuntz, C.S.I. e Timoria.

Ciò che rende “Planetario” ancora più interessante non è solo l’adesione del noto musicista e produttore scozzese Howie B, che ha collaborato con musicisti del calibro di Bjork e Tricky, bensì la presenza di Fabio Peri, astrofisico presidente di tutti i Planetari d’Italia, ed è proprio quest’ultimo che in qualità di leader ci introduce all’essenza di questa particolare iniziativa discografica. Come si può intuire l’idea alla base è il connubio tra due elementi apparentemente opposti fra loro: la soggettività dell’arte musicale e l’oggettività della scienza.
Ma è solo al via dello spettacolo del planetario che finalmente si riesce a capire la grandezza dell’opera. Cominciamo a sorvolare lo spazio ammirando un meraviglioso cielo stellato e le musiche dei Deproducers ci cullano proiettandoci in un’altra dimensione spaziale e facendoci tornare tutti un po’ bambini. Già, perché uno dei talenti di Peri è spiegare le costellazioni e la composizione delle galassie come se fossero gli elementi più semplici del mondo disegnando linee luminose tratteggiate nel firmamento o anche spiegare gli anni luce usando metafore semplici come lo squillo del nostro telefono cellulare.

Tra qualche mese “Planetario: musica per conferenze spaziali” sarà edito da Sony e i Deproducers faranno una tournée per portare questo lavoro tanto magico quanto innovativo in tutta Italia. Perché è giusto che tutti sappiano che musica e scienza possono coesistere alla grande.

Claudia Falzone

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.