A Rainy Day In Bergen

a rainy day in bergen1

A Rainy Day In Bergen è un progetto attivo dal 2006 a nome Underscore che miscela alternative, new wave, prog rock ed electro pop. Bergen è una città costiera di 250.000 abitanti della Norvegia sud-occidentale, secondo centro più popoloso del paese dopo la capitale Oslo. Il mare è cio che accomuna questa località a Salerno, luogo di provenienza della band. Bergen è soprannominata la città della pioggia o la Seattle europea, in quanto la media annuale delle precipitazioni, supera i 2000 millimetri. Appartenente alla realtà nord-europea, socialmente e climaticamente molto diversa da Salerno, è vista dalla band come “la controparte europea di quella Seattle che ha battezzato la corrente del rock anni ’90.”

L’album è molto curato e di pregevole fattura. I brani sono eseguiti in modo ineccepibile denotando una ottima padronanza degli strumenti e della voce. L’assenza della chitarra, sostituita dai synth, fa sì che gli A Rainy Day In Bergen non siano completamente catalogabili in un determinato genere (punto a loro favore) e permette loro di spaziare maggiormente durante la scrittura dei brani. Il disco ha un mood molto malinconico e vagamente sognante che trasporta l’ascoltatore a percepire le varie sfumature sonore e ad intraprendere un viaggio all’interno di se stesso.
Il malinconico piano e l’incidere cadenzato di “Perhaps”, ci introducono al disco con una musicalità e una melodia davvero sorprendenti. Passando per “It Has Left”, altro brano curatissimo e ben congeniato, si arriva alla terza traccia “Struggling For Breath”, una delle più riuscite dell’intero lotto, fusione perfetta tra post rock, electro pop, alternative e progressive pop. Riminiscenze di Muse,Tool, Placebo, fino a giungere a Katatonia, e Seethings, sono riconoscibili nel sound della band che, in tal modo, cerca di tirarsi sempre fuori dagli schemi: basso distorto, voce sempre sugli scudi e delicate melodie di piano e synth. Si prosegue con l’energica “Grey Haze”, quindi un momento quasi di pausa con la delicata “A Thousand Universes”, quindi la voce elettronica fa da preludio a “Gotta Enjoy”. L’energico finale di “My Way To” ci porta a “Children On Birthday” brano che si uniforma un pò troppo ai precedenti e non ha lo stesso mordente delle altre tracce. Il disco si conclude con altri due ottimi pezzi “Worried About Everything” e “Not Beyond Tomorrow”.
Lavoro qualitativamente molto interessante.

Luigi Di Lorenzo

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.