Music Attitude

Paolino Canzoneri Multiverso

“Chi fa da sé fa per tre”: così recita un celeberrimo proverbio, che mai come nel caso di Paolino Canzoneri corrisponde a verità. L’artista palermitano ha fatto tutto da solo: ha composto, prodotto e suonato tutta la musica di “Multiverso”, ha curato l’artwork del booklet, dove ogni brano è rappresentato da una foto, da lui scattata e scelta. Un’Artista con la “a” maiuscola, quindi, che ha alle spalle una vita dedicata alla musica: nato nel 1966, suona la batteria in alcune rock band locali, e nel 1991, interessatosi al panorama electro europeo (verosimilmente a quello tedesco dei Kraftwerk e del krautrock), abbandona i lidi rock per addentrarsi definitivamente nel mondo dei synth e dei campionamenti. “Multiverso”, registrato nel 2009 e uscito nel 2010, è il coronamento di un lungo percorso nel quale Paolino ha saputo affrontare molteplici esperienze e costruirsi una forte identità musicale, in cui l’equilibrio tra evidenti influenze (l’elettronica europea, come detto, di Kraftwerk, Tangerine Dream, Roedelius, Klaus Schulze) e originale personalità è sorprendente.

Qua e là notiamo anche influenze del conterraneo Franco Battiato, quello dei primi dischi, di “Foetus” o di “L’Egitto Prima Delle Sabbie”: a chi legge sarà chiara, se conosce i lavori e gli artisti citati, l’impronta onirica, ambient e talvolta spaziale della musica di Paolino. Il palermitano fonde trip-hop, glitch, electro e ambient con sapiente passione e intelligenza, riuscendo a mantenere l’attenzione dell’ascoltatore al disco anche grazie a melodie ben sviluppate. Ogni brano è un viaggio attraverso la mente di chi l’ha scritto e suonato, che vi condurrà per paesaggi desolati, ambienti intimi e caldi, e proiezioni retro-futuriste. L’album deve essere ascoltato e apprezzato in tutta la sua interezza, ogni amante dell’elettronica, quella autentica di matrice ‘70-’80, dovrebbe volgere la propria attenzione a Canzoneri, artista nel firmamento della musica italiana che porta nel cuore la rivoluzione mitteleuropea inaugurata molti anni orsono da un tale Karlheinz Stockhausen.

Manuel Ghilarducci

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.