Music Attitude

The Echos Labor

the echos labor

I beneventani The Echos si presentano a noi con il loro ultimo lavoro, l’EP “Labor“, uscito per l’Areasonica Records nel mese di novembre, e si descrivono come un gruppo con radici rock, dalle quali si diramano influenze progressive, psichedeliche, blues e funky. Dando un’occhiata alla loro biografia, noto che nonostante i pochi anni di attività, la line up è cambiata svariate volte, perdendo mano a mano qualcuno dei componenti originari della band. Questo però non li ha scoraggiati né fermati e hanno proseguito sulla loro strada, incidendo brani e partecipando a concorsi e manifestazioni, sembra con risultati più che discreti.  “Labor” contiene 5 pezzi, tutti ovviamente inediti e cantati principalmente in italiano, scelta sicuramente lodevole data la bellezza della nostra lingua, ma che a volte alcune band preferiscono ignorare per favorire l’esportabilità del loro prodotto.

Come scritto nella loro biografia, le influenze rock-psichedeliche e progressive si sentono, la tipica forma canzone è spesso ampliata e rielaborata, gli strumenti non lavorano in funzione della voce, ma tutti hanno qualcosa da dire, da comunicare. Non ci sono brani uguali tra loro in questo EP, dal rock più scarno e traballante di “Atavico ricordo“, passando per “Creazioni“, dove alcune progressioni ricordano i Muse e l’organo conferisce una nota di  malinconia. E proprio la costante presenza di synth e tastiere è una nota positiva di questo lavoro: non si limitano a fare tappeto, ma imbastiscono trame e soluzioni melodiche efficaci. I ragazzi ci sanno fare, si sente che l’intesa c’è e sanno il fatto loro agli strumenti. Ovviamente qualche pezzo è un po’ sotto tono (“Sirio” mi rimane indigesto) e qualcuno è meglio di altri, ma la media è sicuramente positiva.
Quello che forse si amalgama meno bene al tutto è la voce, dà l’impressione che sia un po’ troppo sottile e “staccata” dal resto in fase di mixaggio. Anche i suoni mi hanno fatto riflettere: generalmente la pasta sonora è old style, le chitarre soprattutto virano verso gli anni ’70, ma poi arrivano i synth con suoni moderni e “spaziali” e tutto si mescola: non sto dicendo che sia un difetto o un pregio, onestamente non l’ho capito e non mi interessa deciderlo perché così hanno deciso i The Echos, ma sarei curioso di sentire il tutto in chiave più moderna…

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.