The Low Cost The Low Cost

I Low Cost si dichiarano consapevoli di “emettere frequenze che a taluni potrebbero risultare fastidiose, e ad altri, invece, piacevolmente percepite. Ma questa è un’altra storia, che qualcun altro deve raccontare…”, ed ecco che entra in gioco chi scrive a raccontarvi questa storia. Quattro musicisti romani, decidono soltanto nel 2008 di dar vita a questo progetto dopo alcune più o meno significative esperienze musicali individuali; la loro, dicono, è una necessità, che non esiterei a definire “sanguigna”: desiderano fare musica e basta, senza troppe categorizzazioni né etichette, adottando una Weltanschauung filosofico-musicale che si propone innanzitutto di superare la distinzione tra generi, fondere stile diversi e realizzare un connubio tra tradizione e innovazione grazie all’uso di strumentazioni moderne e di matrice elettronica (loops, campionamenti, synths) congiuntamente ad altre di derivazione più classica e vintage (archi, theremin) e a un nucleo centrale sfacciatamente rock (chitarre, basso e batteria).

Il dischetto è “soltanto” una versione promozionale di quello che sarà il full-length, che vedrà indicativamente la luce a metà del 2010, contiene sei tracce ma è già sufficiente per far comprendere quali sono i territori musicali in cui i Low Cost si muovono, da dove vengono e dove vogliono andare. L’interessante e piacevole eterogeneità dei brani è riconducibile a una serie di influenze ben riconoscibili e al tempo stesso ottimamente metabolizzate e personalizzate: il post-rock su tutte (penso ai Mogwai, tanto per fare il nome più celebre del filone o ai meno conosciuti Transit), il progressive rock più ambientale e psichedelico (lo spettro dei Porcupine Tree infesta la seconda traccia, “Holymount In The Rain”), il minimalismo elettronico dolce e sognante di derivazione scandinava (Porn Sword Tobacco o Library Tapes in primis) e le divagazioni oniriche del dream-post-rock più astratto e decadente (i compaesani Port-Royal e il progetto greco Absent Without Leave). Influenze, come ho detto, ben marcate e ben riconoscibili, ma non ricalcate pedissequamente: i Low Cost si dimostrano abili demiurghi del suono, reinterpretano, plasmano, modellano la materia incandescente e la trascinano verso lidi ambiziosi senza mai spingersi troppo oltre annoiando o confondendo l’ascoltatore. Il disco in questione è un ottimo lavoro di post-rock creativo e intelligente, ben suonato, ben prodotto, dove niente è fuori posto e niente è scomodo o lasciato al caso; sarà anche tutto “low cost”, ma sembra che alla forma la band ci sia stata molto attenta!

Manuel Ghilarducci

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.