Club Dogo Noi Siamo Il Club

club-dogo-noi-siamo-il-club

Torna la formazione al completo dopo un mare di collaborazioni e progetti solisti. I Club Dogo pubblicano “Noi Siamo il Club”, sesto album in studio a due anni dall’ultimo “Che bello essere noi”. Stavolta gli haters si troveranno in difficoltà: ingannati dalle prime tracce, dovranno ben presto mettere in discussione le proprie dichiarazioni. Tamarri e autocelebrativi? In apparenza sì, ma l’ascolto dell’album svela una personalità più matura, che sorprende. Dietro il flow spaccone e sgarbato dei brani che hanno preceduto l’uscita del disco (classica vetrina allestita esclusivamente per stupire) si sviluppa un lavoro ricco di sonorità nuove, interessanti featuring e contenuti più profondi. Le punchline naturalmente non mancano, ma sono distribuite con più accortezza. Stesso discorso per i pezzi aggressivi e ribelli in cui il trio ospita gli amici di famiglia: J-Ax e Marracash.

I beat accurati, sperimentali e mai banali di Don Joe supportano le rime di Jake e Gué e le voci degli artisti che hanno partecipato al progetto Dogo. Sono molti gli intereventi esterni e, in altrettanti casi, regalano le soluzioni più apprezzabili. A partire dall’intro di Carlo Lucarelli sui cattivi esempi o il flow di Ensi nel pezzo più street dell’album. Si alternano poi Emiliano Pepe, ormai una certezza R&B, in “Se Non Mi Trovi”; Zuli per la sterzata reggae di “Niente è Impossibile”,  e un inedito Giuliano Palma in “P.E.S.” per uno dei pezzi più leggeri e godibili del disco. Infine “Tutto Ciò Che Ho” con Il Cile, profonda e malinconica, con cui la band da voce ai propri fan. Un lavoro ben fatto che si piazza, senza dubbio, tra le registrazioni migliori di questa fase così produttiva per il rap italiano.

Riccardo Rapezzi


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.