Laura Pausini Inedito

Laura Pausini Inedito recensione

L’ha detto lei stessa presentando il disco: queste canzoni sono un’evoluzione, una crescita, ma non rappresentano una svolta nel suo modo di intendere la musica. Sono quello che è ed è sempre stata Laura Pausini. Questo non significa che siano ‘la solita roba’: sono ben fatte, ben scritte (autori di prim’ordine tra cui Niccolò Fabi, un’icona come Ivano Fossati, su tutti ancora una volta Niccolò Agliardi), e come sempre interpretate alla grande. L’evoluzione, sempre secondo Laura, non sta nello stravolgere se stessi ma nel perfezionare la propria strada, ed è quello che ha fatto con questo disco.

Dove spunta anche un po’ di rock: nel duetto con Gianna Nannini nel brano “Inedito“, una delle canzoni meglio riuscite del disco – meriterebbe di diventare un singolo – e anche nel brano “Ognuno ha la sua matita“. In questo album scopriamo che anche l’altra Pausini, Silvia (sorella di Laura), sa cantare: ascoltate il duetto “Nel primo sguardo“. Nel complesso, questo è un disco rassicurante – non necessariamente deve essere considerato un difetto – e molto efficace e, cosa che più conta, convincente.

Francesca Binfarè

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.