[Pop Dance] Madonna – Hard Candy (2008)

 

Candy Shop – 4 Minutes (feat. Justin Timberlake and Timbaland) – Give It To Me – Heartbeat – Miles Away – She’s Not Me – Incredible – Beat Goes On (feat. Kanye West) – Dance 2night – Spanish Lesson – Devil Wouldn’t Recognize You – Voices

http://www.madonna.com
http://www.warnermusic.it

Ritorna ormai con una certa regolarità la cara vecchia Madonna.
Sempre sobria nella sua nuova mise da wrestler, Miss Ciccone a questo giro ci regala un godibile album di pop dance che suona come anni ’80 attualizzati e ipervitaminizzati: effetti e tastierine con percussioni più elaborate, al limite dell’hip hop moderno.
Il disco scorre e si lascia ascoltare, ma è artisticamente un discreto passo falso che incrina un po’ l’aura invincibile della bionda. Se da sempre infatti Madonna è stata una volpe e un’innovatrice, questa volta si è limitata a fare la volpe.

Prendendo come produttori Neptunes, Timbaland e Timberlake non si può sbagliare…peccato che sia la stessa gente che se le sta facendo letteralmente tutte: Gwen Stefani, Nelly Furtado, pure i Duran Duran. Madonna è andata sul sicuro con una formula da blockbuster, ma il suo sound ormai è uniformato a quello delle altre dive (che hanno pure avuto risultati musicalmente migliori).
Come al solito il pezzo con Michael Jackson, ops, volevo dire Justin Timberlake è quello che spicca su tutti (grazie soprattutto all’inedita melodia ‘epica’), il resto propone formule un po’ riciclate dai rispettivi produttori. Quindi ci si ritrova a navigare tra Madonna-che-imita-Stefani-che-imitava-Madonna, i pezzi con Timbaland che fa i versi (friki-friki, pum pum, uh uh, ha fatto soldi a palate ma ha decisamente scassato la minchia) e guest di altri fenomeni del momento della musica americana (Pharrell e West).

Per il resto, gli argomenti più cari alla nostra eroina ci sono tutti: le relazioni sentimentali che vanno male (‘She’s Not Me’), quelle che vanno bene (‘Incredible’), quelle che vanno così così (‘Miles Away’), quelle un po’ violente (‘Voices’) e poi tutti a ballare (‘Heartbeat’ e ‘Dance 2night’) .
E’ un piccolo grande blockbuster di plastica…niente di più, niente di meno; aveva molta più anima il viaggio dance di Confessions On A Dancefloor (2005).

M.B.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.