[Pop – Rock] Ligabue – Arrivederci, Mostro! (2010)


http://www.ligachannel.com/
http://barmario.ligabue.com/

Ligabue, negli anni furba ripetizione di se stesso? Con questo disco smentisce chi lo crede. “Arrivederci, Mostro!” è meglio delle sue ultime produzioni, sta appena sotto alla tacca del suo massimo di qualità e propone novità inaspettate: saranno dovute ai 50 anni del Liga?

Nell’album chitarra regina – a volte aggressiva, un suono pieno (produzione e zampino di Corrado Rustici), ballad come da copione che c’è da scommettere infiammeranno i palchi, e ci sono anche canzoni che per essere di Luciano giungono inaspettate. Prendiamo “Caro Il Mio Francesco”, sorta di lettera aperta a Francesco Guccini, oppure “Quando Mi Vieni A Prendere”, in cui Ligabue fa parlare un bambino (caso unico nella sua produzione) di un fatto di cronaca. Meglio, di sangue: un testo tanto duro da rimanerti dentro, mentre il bambino parla e racconta e spiega di quel 23 gennio 2009 in Belgio, quando l’uomo nero all’asilo ha ammazzato due bimbi (uno è il protagonista della canzone? Il Liga lascia il dubbio) e una maestra. Niente Mario che dà un colpo di straccio al banco del bar, per intenderci. Altri brani, invece, ti catapultano nel classico mondo di Ligabue: rassicuranti, da un certo punto di vista, ti dicono che il Liga è sempre il Liga. Frase esemplare, da “La Linea Sottile”: Per il cielo è un po’ presto / per l’inferno non c’è posto.

Divertente “Taca Banda” (alla batteria Lenny, figlio di Luciano), bellissima e sorprendente nel suo essere molto rock “La Verità E’ Una Scelta”, interessante la poesia “Il Peso Della Valigia”, composta dal Liga qualche anno fa e ora messa in musica, e per finire chiusura con l’ottimismo di “Il Meglio Deve Ancora Venire”. E’ una promessa, Liga?

Francesca Binfaré

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.