[Pop Rock] Razorlight – Slipway Fires (2009)

 

Wire To Wire –  Hostage Of Love – You And The Rest – Tabloid Lover – North London Trash – 60 Thompson – Stinger – Burberry Blue Eyes – Blood For Wild Blood – Monster Boots – The House

http://www.razorlight.co.uk/
http://www.universalmusic.it/

C’era una volta una band anglo-svedese che si inventò una specie di indie rock più rock della media, riuscendo a non sembrare dei Franz Ferdinand dei poveri. Up All Night (2004) aveva una grinta inusuale per una band ‘indie’, e infatti la sorpresa durò poco: il successivo omonimo del 2006 viaggiava sui canoni molto più convenzionali del pop rock inglese da radio, sfornando singoli di successo come ‘In The Morning’, ‘America’ e ‘Before I Fall To Pieces’. A conti fatti, quell’ album causò una vera e propria rottura coi fans della prima ora e, in gergo, è uno dei classici casi di ‘svenduti-figli-di-puttana’. Non che la critica poi li abbia mai adorati: pure in Inghilterra, a parte quei pazzi sensazionalisti di NME, il resto della stampa è stata compatta nel definire la band arida, senza idee e senza un sound personale.

E ora? Merito dei Razorlight non proseguire per la strada più sicura e neanche tornare sui proprio passi. Il nuovo corso è ancora più melodico e pure romantico, se vogliamo. Il piano più voce nell’apertura di ‘Wire To Wire’ è una dichiarazione di intenti. Certamente a testi si viaggia sul livello dei Baci Perugina ma è perlomeno curiosa una svolta così lontana dal classico rockettino falso indie/recupero scarso il garage rock. Melodici anche nell’aggiunta di certe influenze più folk (‘Hostage Of Love’ e ’60 Thompson’) e finalmente con qualche guizzo un po’ particolare, qualche scossa nella sezione ritmica come in ‘Tabloid Lover’, ‘Burberry Blue Eyes’ e ‘Monster Boots’…anche se sembra che i batteristi migliori siano già stati usati.

Sì ma si rimane comunque sulla sufficienza scarsa, affossata poi da certe perle di riciclo come ‘You And The Rest’ o ‘North London Trash’. Potevano essere una rispettabile band rock, qua le stanno provando tutte per essere commerciali. Non che sia un male cambiare, ma è tutto così forzato…insomma pezzi competenti se presi singolarmente, ma che a livello globale non decollano per nulla. Forse un pelo più ricercato del precedente, ma hanno già annoiato abbondantemente ancora prima di incominciare.

Marco Brambilla

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.