Music Attitude

SuperHeavy – SuperHeavy

Super Heavy Super Heavy Recensione

I SuperHeavy sono un supergruppo. Nell’accezione prettamente giornalistico-musicale, l’atroce termine ‘supergruppo’ indica una band i cui membri hanno già dei progetti avviati e una vita loro, più che la straordinaria qualità del gruppo in sè. Il perché decidano di unirsi e produrre qualcosa insieme è di solito argomento misterioso e spesso neppure chiaro ai membri stessi.

I SuperHeavy ricordano quelle serie tv giapponesi anni ’70, quelle con la squadra di eroi. Nella squadra erano, tassativamente, in cinque e dai e dai rispettavano sempre la formazione con l’eroe protagonista, la bella ragazza, l’amico figo e riservato del protagonista (spesso l’intelligente del gruppo), il ragazzino e il ciccione.

Mick Jagger è ovviamente il protagonista: non è neanche l’ideatore del progetto ma ruba sempre la scena, è preso benissimo e spadroneggia per tutto il disco. Che si ritrovi in una ballad, un pezzo rock o reggae, ci crede al 100% e il suo stile e il suo carisma sono inattaccabili. Joss Stone è la figa della situazione, ma molto più che una bella presenza: non è la protagonista ma la sua fantastica voce soul è in ottima forma e reclama i suoi spazi, ogni volta facendoci vibrare le orecchie. Dave Stewart (compagno di Annie Lennox negli Eurythmics) è la mente: ha voluto lui il progetto, non spiccica una parola ma è sempre presente con la sua chitarra. Ovviamente non si perde in virtuosismi, ma i suoi licks sono il collante del tutto; sa quello che deve fare e lo fa sempre bene. Damian Marley (figlio di Bob) è dentro come araldo del reggae, che è poi la sonorità portante del disco. Il suo apporto è fondamentale per mantenere il disco ‘gggiuovane’, martellando con quelle sonorità caraibiche ora tornate tanto di moda. Il ruolo del ciccione, infine, spetta al prolifico compositore indiano A.R. Rahman: non può rivaleggiare con gli altri ma è sempre presente, e ogni tanto ha il suo momento sotto i riflettori. Ce li vediamo Jagger e Stewart mentre, tra un cannone e l’altro nella tenuta Jamaicana di quest’ultimo, gongolano all’idea di buttare dentro al disco anche un po’ di punjabi-style, sssooooo cooool.

I SuperHeavy ricordano anche i film di Soderbergh, tipo “Ocean’s Eleven” o “Contagion“: cose già fatte ma riproposte in modo più stiloso e con una parata di attoroni. E viene da pensare: “Oh ma quanti attoroni, chissà come li hanno messi tutti insieme…Però, in fondo, a che serve? Magari l’hanno fatto per il LOL, magari poi si ritrovano tutti insieme alle loro feste e ci scherzano sopra“. Questa è la sintesi di SuperHeavy. Un progetto di reggae/pop/rock moderno assemblato da un pacchetto di lusso ma che non trasmette alcunché di particolare. Si ascolta più per la curiosità di sentire come interagiscono i 5 personaggi.

PS: Il secondo singolo “Satyameva Jayathe” ha un ritornello che ricorda tantissimo…non ci viene in mente, ma l’abbiamo già sentito. Sicuro. Usate i post sotto per rispondere. In palio un soggiorno nella residenza jamaicana di Dave Stewart. Cannoni inclusi.

Marco Brambilla

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.