A Storm Of Light – As The Valley Of Death Becomes Us, Our Silver Memories Fade

A Storm Of Light As The Valley Of Death Becomes Us Our Silver Memories Fade

Terzo album per A Storm Of Light, interessante sorta di supergruppo ‘estremo’ fondato dall’ex Red Sparowes (nonché ‘artista visivo’ dei Neurosis) Josh Graham. Oltre a lui nella band militano Domenic Seita (ex Tombs) e, soprattutto, Vinnie Signorelli, nientemeno che il batterista degli Unsane. Roba grossa, quindi. E la formazione per il nuovo lavoro ha fatto davvero le cose in grande, reclutando Kim Thayil dei Soundgarden e Jarboe degli Swans come ospiti (ma quest’ultima la ricordiamo anche in collaborazione con i Neurosis stessi in uno splendido LP uscito qualche anno fa). Tutto sembrerebbe preludere al discone, quindi.

E in effetti “As The Valley Of Death Becomes Us, Our Silver Memories Fade” – titolo chilometrico e bizzarro, proprio com’è in uso oggi in un certo tipo di musica – fa il suo e, almeno in parte, non delude le aspettative. Come ci si potrebbe aspettare, il sound del sestetto è un buon incrocio fra il post rock dei Red Sparowes (certi chitarrismi presenti in “Missing”) e il post metal dei Neurosis (“Silver” è quintessenziale in tal senso), con l’aggiunta di parecchi input presi da act che si muovono in territori contigui, e penso in special modo a Isis, Pelican e simili. A Storm Of Light, però, non vogliono rischiare d’apparire troppo scontati, e allora nella ricetta mettono anche ingredienti leggermente differenti, che potrebbero esser accomunati con lo sludge, lo stoner e il doom più plumbeo. “Collapse” fa venire in mente gli Shrinebuilder, mentre “Leave No Wounds” incorpora al suo interno riff in odore di stoner. Chiudono l’opera la mesta elucubrazione “Death’s Head” e la quasi swansiana “Wasteland”, dieci minuti di pece esistenziale sporcata da rifrazioni tribalistico – industriali, con la voce di Jarboe a inserirsi fra gli interstizi del wall of sound.

Si diceva che il lavoro in questione non deludesse le aspettative. Sì, questo è incontestabile, e con i musicisti coinvolti nel progetto era lecito sperare in qualcosa d’interessante. Tuttavia “As The Valley…” non decolla mai completamente. Sarà che certe architetture sonore sono ormai abusate o quasi, sarà che a furia di cercare uno sguardo onnicomprensivo su queste i Nostri hanno finito per preparare un vademecum al post – qualcosa senza dire nulla di veramente inedito, sarà che i gruppi originari paiono comunque più freschi…ma quello che dopo l’ascolto rimane impresso nella mente non è moltissimo. Con questo non voglio dire che manchi di spunti più che interessanti, chiariamoci. Può anche darsi che la mia decrepitudine mi abbia fatto diventare troppo esigente nel corso degli anni. I fan dei gruppi più sopra elencati saranno soddisfatti, ma non si aspettino la pietra miliare. Certo almeno due o tre attenti ascolti li merita, senza alcun dubbio.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.