[Alternative Metal] Mellowtoy – Pure Sins (2010)


http://www.mellowtoy.com/
http://www.bagana.net/

Il terzo album dei Mellowtoy giunge a ben quattro anni di distanza dal suo predecessore, “Nobody Gets Out Alive”. D’altronde il gruppo milanese oggi è molto diverso rispetto alla sua prima versione, e questi anni sono stati probabilmente spesi nella ricerca di quel cambio di direzione che, alfine, ha fruttato questo “Pure Sins”. Nel 2006 la band era giunta a suonare al Gods Of Metal, ma il nu metal à la Limp Bizkit di cui era fautrice stava perdendo rapidamente consensi, e la necessità di un’evoluzione del sound si faceva sempre più impellente, pena la non sopravvivenza del complesso. I primi a capirlo sono stati proprio i diretti interessati.

Così i Mellowtoy del 2010 si presentano con una formazione pesantemente rimaneggiata – fuori DJ Bioki e il rapper Ale, ossia i due elementi che più ancoravano il sound della band a quello nu, dentro un secondo chitarrista e un secondo cantante, rispettivamente Fred e Matt – e una proposta musicale che, pur non rinnegando affatto le origini, si è notevolmente affinata, muovendosi verso sonorità che ammiccano alle nuove mode. Fondamentalmente i Nostri conservano l’imprimatur di inizio Millennio, e ancora oggi ricordano gli Slipknot coverizzati dai Linkin Park (in pratica, violenza più ricerca del gancio melodico), eppure moltissime sono le influenze ricavate dal metalcore contemporaneo, soprattutto per quanto riguarda i riff di chitarra. Gli echi di As I Lay Dying, Bring Me The Horizon e degli ultimi In Flames riecheggiano in quasi tutti gli episodi dell’album, uniti ai consueti stop & go di matrice nu e ad alcune suggestioni industriali venate di dark (cfr. l’inizio di “The Antagonist”). L’uso dell’elettronica è molto meno marcato rispetto al passato, in compenso, grazie alla doppia voce, lo schema che vuole il ritornello cantato melodicamente e il chorus cantato in scream è molto sfruttato, anche se le eccezioni non mancano. A convincere è soprattutto l’energia di brani quali “To The Heartless”, “This Is Fire”, “Highway To Fall” e “Under Destruction” (forse la più metalcore del lotto, che paga evidenti debiti agli At The Gates nel riff portante), mentre meno riuscite sono “Lullaby”, cover dei Cure decisamente evitabile, e la ballad finale “Missing Smile”.

Nel complesso “Pure Sins” è un lavoro onesto e riuscito, e la mano esperta di Alex Azzali alla produzione (nel suo curriculum figurano nomi come Behemoth e Dismember) si fa sentire: i suoni sono perfetti per gli standard odierni, pulitissimi e giustamente compressi. Sicuramente questo è il loro lavoro più maturo, si sente che quattro anni non sono passati invano. Certo è sin troppo derivativo e ibrido; le influenze sono davvero tantissime e l’originalità non è molto accentuata. Eppure i Mellowtoy hanno ben poco da invidiare rispetto a formazioni più affermate nella cerchia dell’alternative metal di ultima generazione, e mi sento di consigliare l’ascolto di questo disco a tutti i fan del genere.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.