Music Attitude

[Ambient – Noise] Yellow Swans – Going Places (2010)

 

http://www.myspace.com/yellowswans
http://typerecords.com/

In realtà, gli Yellow Swans sono già morti da parecchio tempo. Esattamente dall’aprile 2008, quando Pete Swanson annunciò la fine della collaborazione con Gabriel Mindel Saloman, e il duo di Portland salutò i propri fan in un ultimo concerto, a Chicago. A conclusione di una carriera tanto significativa quanto semisconosciuta, fatta di uscite a getto continuo e logorrea compositiva, vizio comune a molte esperienze di confine come la loro. Nonostante questo, nell’ammasso incoerente delle loro emissioni discografiche, spesso pubblicate sotto pseudonimo, c’è stato del genio, e un’opera maiuscola come “Psychic Secession” testimonia di una ricerca sonora non comune.

“Going Places” funge quindi da sigillo funebre, è un album postumo che intende chiudere al meglio un’esperienza vissuta ricercando le possibili contiguità di mondi sempre in bilico fra attrazione e repulsione: il noise propriamente detto, l’ambient più scuro, il drone estasiato dalla psichedelia, la libera improvvisazione. Il risultato finale è di quelli che si faranno ricordare a lungo.

In quest’ultima fatica da studio gli Yellow Swans condensano molte delle loro migliori intuizioni, fondendo il rumore delle macchine con l’anelito verso il cielo e un suono che vuol essere, e spesso si fa, astratto e distante, persino ‘metafisico’. In quasi un decennio di carriera quello che li ha sempre sostenuti è stata l’intuizione di poter operare una sintesi fra l’alienazione industriale, vessillo di nomi quali Throbbing Gristle e Einsturzende Neubauten, e gli slanci estatici, condotti fino ai bordi della mente, che furono il cardine estetico della musica psicocosmica dei vari Tangerine Dream, Klaus Schulze e compagnia teutonica. Senza dimenticare il culto del buio di Lustmord e alcune trovate di Eno. Per restare ai nostri giorni, “Going Places” assomiglia molto a un incontro fra Tim Hecker, Vibracathedral Orchestra, Natural Snow Buildings (ma a questi togliete le parti folk e il richiamo alla terra), Raglani e l’esercito dei mestatori noise di professione, con Merzbow e Wolf Eyes in testa. Fra rumore bianco, stasi ambient e slanci psichedelici il duo è in grado di regalarci almeno due capolavori: il caos ben organizzato della sfrigolante “Opt Out”, che cresce lentamente in un ribollire lavico di distorsioni e feedback, e la calma apparente di “Limited Space”, che cela la sua furia in un flebile tintinnio, prima di montare a mo di marea e infine esplodere nell’immane strillo finale.

A corollario del piatto forte, la band aggiunge un bonus disc, “Being There”, perfetto prolungamento di “Going Places”: altre quattro ottime composizioni, su tutte la nevrastenica “Inhabitants”, che fan sorgere più di un rammarico, se pensiamo che stiamo parlando di materiale postumo, e che il gruppo che l’ha ideato non esiste più. Tuttavia è anche difficile uscir di scena con la stessa classe che hanno dimostrato Pete e Gabriel, e per questo vanno comunque ringraziati.

Stefano Masnaghetti

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.