[Black Metal] Leviathan – Massive Conspiracy … (2008)

 

[Black Metal] Leviathan – Massive Conspiracy Against All Life (2008)

Vesture Dipped In The Blood Of Morning – Merging With Sword, Onto Them – Made As The Stale Wine Of Wrath – VI XI VI – Receive The World – Vulgar Asceticism – Noisome Ash Crown

http://www.moribundcult.com/
http://www.masterpiecedistribution.com/

In tutta sincerità, davo ormai per dispersi Wrest e i suoi Leviathan: dopo il micidiale esordio “The Tenth Sub Level Of Suicide” (2003), e il buon successore “Tentacles Of Whorror” (2004), il musicista Statunitense si era lasciato prendere la mano da una sequela di split, best of, EP e sette pollici tanto irritante quanto inutile, disperdendo così la sua creatività in mille rivoli, senza riuscire a trovare il coraggio per compiere il definitivo salto di qualità. Ammetto che mi sbagliavo, e sono felice di aver finalmente tra le mani questo “Massive Conspiracy Against All Life”, che fin dai primi ascolti si rivela come il disco più maturo e riuscito della one man band di Wrest.

Prima di tutto, c’è da notare un notevole miglioramento nella qualità della registrazione: certo, in un genere come il black non è affatto indispensabile una produzione cristallina per ottenere un prodotto riuscito, anzi! Però quando le composizioni iniziano a complicarsi e i riff a stratificarsi, allora è d’uopo riuscire, per lo meno, a distinguere tra le chitarre e la batteria: questo è il caso, ed è subito un punto a favore per il disco in questione. La vera forza del platter è però quella di aver saputo amalgamare perfettamente, in un letale continuum sonoro, le parti ambient e quelle più chiaramente black metal, entrambe presenti fin dagli albori nei Leviathan, ma mai prima d’ora così coese e indistinguibili l’una dall’altra. Il risultato è notevole, persino affascinante: Wrest è ormai padrone di uno stile unico, che non può più essere definito né “suicidal black” né “depressive black” né chissà cos’altro; semplicemente, black metal nella sua più genuina e migliore espressione. Ovviamente i rimandi alle sonorità di band quali Deathspell Omega, Ondskapt, Shining e Xasthur continuano ad esserci, ma tutte queste influenze vengono filtrate tramite una sensibilità che riesce a farle proprie, ad addomesticarle ai suoi scopi. Se già in passato l’artista di San Francisco ci aveva abituati alla sua visione del mondo quale ammasso di miseria, squallore e morte, ora con “Massive Conspiracy Against All Life” tali sentimenti negativi vengono decuplicati da un wall of sound compatto e violentissimo, che trova pochi eguali nella scena estrema odierna. Nell’ambito del black più tradizionalista e ancorato all’ortodossia dettata dai grandi nomi degli anni Novanta, è veramente difficile fare di meglio. Lode dunque ai Leviathan ed al loro grandissimo ritorno.

Aggiungo solo una piccola curiosità: all’interno del digipack, spicca immediatamente questa citazione: “Whence things have their origin, Thence also their destruction happens, According to necessity; For they give to each other justice and recompense For their injustice In conformity with the ordinance of Time”. Si tratta di un celeberrimo frammento di Anassimandro; questo, però, il buon Wrest non lo dice.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.