Music Attitude

Bones & Comfort Mothersheep

Bones & Comfort Mothersheep Recensione

Bones & Comfort Mothersheep Recensione

Classico power trio quello degli italiani Bones & Comfort, formato da Daniele Murroni (voce, chitarra e banjo), Alberto Trentanni (basso) e Luca Romano (batteria). Il Trentanni ce lo ricordiamo anche quale membro della possente macchina psichedelico/improvvisativa dei King Bong. Chiusa la doverosa parentesi, il sound mostrato in “Motersheep“, primo album ufficiale per la band, è di tutt’altra pasta. Stoner rock diretto e principalmente fisico, musica più per il corpo che per la mente, volendo sintetizzare in pochissime parole il loro approccio. Uno stile nient’affatto stupido o scontato, è necessario precisare, ché non stiamo parlando di meri cloni di Kyuss e derivati, tutt’altro. L’intelligenza del gruppo la si percepisce soprattutto  nella forma ibrida che riesce a dare ai propri pezzi, in cui a collidere felicemente sono le vibrazioni del nuovo Millennio con quelle dei mai dimenticati anni Settanta.

In dieci brani i Bones & Comfort riescono a dare una precisa idea del loro universo sonoro di riferimento. I riff e gli assoli sono epidermici ed infuocati come si conviene, la voce enfatizza i passaggi più importanti, la batteria pesta tonante mentre il basso è fondamentale nel dare spessore alle composizioni. Come si diceva più sopra, nel cd è presente la pesantezza dello stoner contemporaneo (a tratti persino del metal vero e proprio), la quale viene però alleggerita e colorata dai continui rimandi al mondo dell’hard rock più classico, quello diretto discendente del blues elettrico. Ovvie sono quindi le influenze di Led Zeppelin e Black Sabbath (cfr. per questi ultimi l’atmosfera di “Orange Blossom And Four Swans“), e altrettanto imprescindibili le vampate sudiste mutuate da Lynyrd Skynyrd e Allman Brothers Band (“No Country For Musicians“); ma un ruolo di eguale importanza lo svolgono anche i ritrovati di band più vicine a noi come Orange Goblin, Firebird (“Inhale“) e soprattutto Clutch, la cui voglia di jammare informa alcuni fra gli episodi più riusciti di “Mothersheep”, su tutti “My Crusade“. Infine, citazione d’obbligo per i gorghi acidi di “Isaac’s Wife Song” e per la splendida ballad “Take Some Pills“, che ricorda i Down più meditativi ed acustici.

In breve, si è parlato di un esordio discografico davvero ottimo, annoverabile fra i lavori più interessanti spuntati dall’underground italico nel corso dell’anno. Frutto, fra l’altro, di una formazione che anche dal vivo sa davvero il fatto suo.

Stefano Masnaghetti


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.