[Crust-Core] Disfear – Live The Storm (2008)


Get It Off – Fiery Father – Deadweight – The Cage – The Furnace – Live The Storm – Testament – In Exodus – Maps Of War – Phantom

www.disfear.com
www.relapse.com

Il primo brano, “Get It Off”, è un assalto all’arma bianca che mischia il groove dei Motorhead, la violenza dei Discharge, il piglio degli Entombed nella loro fase death’n’roll e certo hardcore primigenio: lacerante la prestazione vocale di Tompa, sostenuta dai riff al vetriolo di Uffe Cederlund. Il secondo brano, “Fiery Father”, è un assalto all’arma bianca che mischia il groove dei Motorhead, la violenza dei Discharge, il piglio degli Entombed nella loro fase death’n’roll e certo hardcore primigenio: lacerante la prestazione vocale di Tompa, sostenuta dai riff al vetriolo di Uffe Cederlund. Il terzo brano, “Deadweight”, è un assalto all’arma bianca che mischia il groove dei Motorhead, la violenza dei Discharge, il piglio degli Entombed nella loro fase death’n’roll e certo hardcore primigenio: lacerante la prestazione vocale di Tompa, sostenuta dai riff al vetriolo di Uffe Cederlund…

Avrei potuto continuare per tutte e dieci le tracce che compongono il disco, ma insomma…ci siamo capiti. “Live The Strom” è un lavoro formalmente impeccabile: 100% adrenalina e velocità, poco più di mezz’ora giocata su tempi fulminei e voglia di spaccare tutto e tutti, e la produzione di Kurt Ballou grezza ed essenziale, com’è d’uopo per album del genere. Ma non c’è nient’altro che questo: le canzoni sono veramente troppo simili le une alle altre, i riff e le soluzioni ritmiche scontate e prive di fantasia, tanto che alla fine dell’ascolto ti accorgi di non aver assimilato nessun pezzo in particolare, e soprattutto hai ben poca voglia di risentirlo una seconda volta. In passato i Disfear avevano scritto dischi più convincenti: la furia era la stessa, ma le idee e la varietà negli arrangiamenti decisamente superiori. Aspettare cinque anni e ritrovarsi tra le mani un’opera che fatica ad elevarsi dalla mediocrità generale è stata una cocente delusione per il sottoscritto, specie pensando ai nomi coinvolti nel progetto. Se siete alla ricerca di musica pestona e incazzata con il mondo intero, “Live The Storm” fa al caso vostro: ma non troverete null’altro, e probabilmente vi dimenticherete dell’esistenza di questo album già dopo il terzo ascolto. Prendere o lasciare: purtroppo i Disfear targati 2008 hanno questo da offrire.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.