Music Attitude

[Cyber Thrash] Mnemic – Passenger (2007)

Humanaut – In The Nothingness Black – Meaningless – Psykorgasm – Pigfuck – In Control – Electric I’d Hypocrisy – Stuck Here – What’s Left – Shape Of The Formless – The Eye On Your Back

www.mnemic.com
www.nuclearblast.de

La definizione ‘cyber thrash’ rimanda subito a nomi mica da poco come Fear Factory, Strapping Young Lad e anche Meshuggah. In effetti in questo terzo album dei danesi Mnemic si sentono eccome le influenze di questi grupponi, rielaborate e condite con una buona dose di stacchi nu-metal (Disturbed e Mudvayne su tutti) e con un’innaffiata di swedish metal moderno, leggi In Flames e Soilwork, e con una strizzata d’occhio ai ritornelli che avevamo sentito di recente sull’ultimo Raunchy (guarda a caso danesi pure loro…). Un’ulteriore evoluzione del sound apparso sul debutto “Mechanical Spin Phenomena” e proseguito con “The Audio Injected Soul” nel fortunato biennio 2003/2004.

“Passenger” scorre bene per la prima metà: l’apertura con Humanaut dove il nuovo bravo singer Guillaume Bideau, ex Scarve, richiama anche troppo Townsend, le successive In The Nothingness Black e il singolone Meaningless (in cui c’è lo zampone di Roy-Z) cominciano la listening session in modo eccellente. Più bordello e più Meshuggah in Psykorgasm (con l’aiuto di due individui del calibro di Shane Embury e Jeff Walker), in Pigfuck invece un ritornello alla Fred Durst viene supportato dalle backup vocals e da un tupatupa messo lì un po’ a muzzo. La tensione però cala col proseguire del disco, non che le tracce successive siano meno potenti o costruite, la sensazione però di sentire sempre la stessa cosa cresce col passare dei minuti.

Il disco è comunque sufficiente, è sperabile però che i ragazzi scelgano una direzione più stabile nei prossimi anni: prendere a destra a manca e shakerare, anche se lo si fa bene, non aiuta certo l’emergere della personalità necessaria per sopravvivere nel music biz. Sicuramente la produzione pazzesca di Wolbers e il tentativo di accontentare diversi tipi di ascoltatori, aiuterà non poco i Mnemic a uscire ancora più allo scoperto. Il palco e il prossimo disco potranno dirci se la band potrà ambire a un posto di rillievo nel panorama heavy attuale.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.