[Death Metal] Entombed – Serpent Saints, The Ten Amendments (2007)


Serpent Saints – Masters Of Death – Amok – Thy Kingdom Coma – When In Sodom – In The Blood – Ministry – The Dead, The Dying And The Dying To Be Dead – Warfare, Plague, Famine, Death – Love Song For Lucifer

www.entombed.org
www.threeman.net

Il nuovo disco degli Entombed è un disco degli Entombed.

Questa tautologia serve a mettere in chiaro fin dall'inizio che "Serpent Saints" è il classico album che ogni fan del gruppo Svedese si aspetta da loro; di più, a partire dalla title track è palese il tentativo di recuperare il vecchio crushing sound dei loro primi capolavori (e non tragga in inganno l'arpeggio iniziale). Nonostante l'abbandono dello storico chitarrista Uffe Cederlund, per tutti i 40 minuti di durata del disco si respira un'atmosfera a metà strada tra "Left Hand Path" e "Wolverine Blues", ossia un wall of sound prettamente death metal sul quale s'innestano frequentemente i loro classici groove death'n'roll, fino a giungere al recupero di ritmi e riff di chiara ascendenza thrash: così "Masters Of Death" è una sorta di tributo agli Slayer, mentre la bellissima e terremotante "When In Sodom" l'avrebbero potuta scrivere i Venom nel momento del loro massimo fulgore. L'eterogeneità stilistica avrebbe potuto essere un punto debole di "Serpent Saints", ma grazie all'esperienza ventennale di Petrov e compagni tutto è perfettamente amalgamato e i dieci brani scivolano via senza nessuna stonatura, coinvolgenti e brutali come si conviene ad una band del loro calibro. I quattro anni di distanza dall'ultimo full length, il claudicante "Inferno", hanno indubbiamente fatto bene ai Nostri e al loro songwriting, rendendolo più fresco e in grado di evitare quasi del tutto le cadute di tono (l'unico pezzo veramente brutto e inutile è, infatti, il conclusivo pseudo – industrial "Love Song For Lucifer").

Ovviamente stiamo parlando di un lavoro riepilogativo, non c'è nulla di nuovo all'orizzonte né tanto meno abbiamo a che fare con un capolavoro; tuttavia "Serpent Saints" rimane un ottimo disco, il migliore scritto dagli Entombed dai tempi di "Same Difference", in grado di fomentare un sano headbanging e di far gioire per un'istituzione del metal che non ha nessuna voglia di mollare.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.