[Death Metal] Sadist – Season In Silence (2010)


http://www.sadist.it/

In un mondo giusto, i Sadist sarebbero sul podio dei gruppi culto (assieme a Death, Cynic, Atheist e Pestilence), Tommy Talamanca sarebbe un talento invidiato, conteso e venerato (come giustamente avviene per Patrick Mameli, Paul Masvidal e Chuck Shuldiner). Purtroppo la realtà è diversa, in quello che non è il migliore dei mondi possibili, e la fama dei Sadist non ha mai varcato i patri confini come avrebbe meritato. Questo è un delitto perché i Nostri non sono solamente un gruppo storico, non sono semplicemente responsabili, al pari degli stimati colleghi americani, dell’evoluzione e sviluppo di un certo suono (quello che vuole il Death Metal cannibalizzare aspetti e intuizioni della musica più colta senza rinunciare all’aggressione di base) ma, a differenza di alcune delle stimate band di cui sopra, sono riusciti, nel corso del tempo, a proseguire un percorso di crescita costante che li ha portati a trasformarsi e a mutare coordinate, pur mantenendo una fortissima caratterizzazione di base senza restare imprigionati nel loro album capolavoro (“Tribe” del 1997).

Descrivere il nuovo disco è curiosamente semplice, metal estremo, costruito ad arte, intricato quanto basta per non essere banale restando digeribile e mantenendo tutto l’impatto fisico e l’aggressività necessaria. A questo si aggiunge la loro grandissima capacità di costruire brani carichi di atmosfera e ricercati negli arrangiamenti. Non c’è niente da fare, i Sadist dimostrano, ancora una volta, di essere fra i migliori gruppi non solo italiani, ma del mondo.

Purtroppo però, in questo 2010, i Sadist dimostrano anche di avere un difetto, questo difetto si chiama Trevor (voce). Troppo monocorde, troppo ripetitivo, troppo banale e ormai incapace di costituire un valore aggiunto. Per i Sadist, a nostro parere, servirebbe un approccio vocale meno statico e più moderno, con variazioni stilistiche e timbriche in grado di aggiungere (invece che togliere) sfumature ai brani.

Insomma, un disco che poteva essere eccellente e invece resta solo buono, se volete ascoltare un brano in particolare, provate con “Evil Birds” e la strumentale “Ogron”.

Stefano Di Noi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.