Music Attitude

Deicide – To Hell With God

Quando si parla di death floridiano, i tre gruppi che è impossibile non nominare sono Morbid Angel, Obituary e Deicide. Laddove i primi da sempre rappresentano il volto più misterioso ed ‘esoterico’ che questo sotto-sottogenere abbia mai espresso, e la band capitanata da John Tardy quello più patologico e malato, Glen Benton e soci si sono invece assunti il compito di portare avanti l’espressione più rozza e ignorante dello stesso, fatta di aggressioni all’arma bianca (a livello musicale) e blasfemia a buon mercato, tutta bestemmioni e poco altro (a livello lirico).

Eppure oggi, nonostante il loro stile sembrasse quello meno propenso a trovare nuovi sbocchi vitali col passare degli anni, sembra che del trio siano proprio i Deicide a stare meglio, almeno a livello discografico (i Morbid Angel non registrano un cd dai tempi di “Heretic”, e il ritorno degli Obituary non è stato dei più esaltanti). Sembravano spacciati, a giudicare dagli scialbissimi lavori di inizio Millennio (“In Torment In Hell” è quasi imbarazzante tant’è scontato). Invece con “Scars Of The Crucifix” e, ancor di più, con “The Stench Of Redemption” il complesso ha ritrovato parte dell’ispirazione che aveva fatto grandi i suoi primi dischi dei Novanta.

To Hell With God” ruggisce osceno sin dall’apripista, ovvero la title – track stessa, mostrando un suono debitore proprio di “The Stench Of Redemption”, incentrato più sulla velocità che sull’atmosfera, e dalle chitarre mai così ‘secche’ e guizzanti. Chi, per nostalgia o altro, è legato ai vecchi Deicide, sappia che qua non li ritroverà, se non molto parzialmente (qualche passaggio giusto in “Hang In Agony Until You’re Dead” e poco altro); il resto dei pezzi è un susseguirsi di tipiche rasoiate death metal, condotte però con quel gusto ‘melodico’ che i nuovi Deicide hanno fatto proprio, specialmente per quanto riguarda gli assoli di Ralph Santolla (sentitevi, ad esempio, quello di “How Can You Call Yourself A God”, quasi thrash metal bay area style). La produzione è forse la più pulita che un disco dei floridiani abbia mai avuto, tuttavia l’aggressività non ne risente così tanto, e fra blast beat azzeccati e i grugniti di Glen l’LP scorre che è un piacere. Non si tratta di un capolavoro, ma è difficile non provare un moto di gioia mentre si ascoltano manate in faccia come “Witness Of Death” o “Empowered By Blasphemy”.

Ottima conferma di una seconda parte di carriera più che buona, chi ha apprezzato la svolta degli ultimi anni lo gusterà con piacere.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.