[Doom – Sludge] Unearthly Trance – The Trident (2006)

Permanent Ice – Decrepitude – You Get What You Want – The Air Exits, The Sea Accepts Me – Scarlet – Wake Up And Smell The Corpses – Firebrand – In Self/Infinite – Where The Unbelievable Is Ordinary

www.relapse.com
www.unearthlytrance.com

Il terzo disco degli Unearthly Trance, e primo per Relapse, è un buon riassunto delle puntate precedenti: da un lato si recuperano i passaggi più veloci e furiosi, quasi al limite del black metal, che caratterizzavano il loro esordio “Season Of Seance, Science Of Silence”, come si può ben notare dagli up – tempo schizzati di “Wake Up And Smell The Corpses” o di “You Get What You Want”, mentre dall’altro il trio decide di calcare ulteriormente la mano su composizioni ultra – lente e dal flavour apocalittico, caratteristiche che erano emerse pienamente nel precedente “In The Red”: la conclusiva “Where The Unbelievable Is Ordinary”, nel suo incedere asfissiante e claustrofobico, coniuga le visioni mentali dei Neurosis e certo sludge ultramarcio di marca Electric Wizard e Teeth Of Lions Rule The Divine, e “The Air Exits, The Sea Accepts Me” fa ancora meglio, ricordando nella sua dinamica doom – hardcore mostri sacri del suono fangoso quali Crowbar e Eyehategod. Un album che fa della dicotomia lentezza/velocità il suo punto di forza, e che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, che il combo newyorkese conosce perfettamente la materia musicale doom – sludge, che utilizza con abilità, bravura e un tocco di personalità (e questo è già un punto a loro favore). Sicuramente questo è il loro lavoro più maturo, forse il migliore in assoluto, e l’amalgama sonoro complessivo ricorda molto da vicino quanto fatto dai grandissimi Yob, specie nelle parti più ipnotiche e dilatate; e questo è uno dei migliori complimenti che si possano far loro. Rimangono degli epigoni di realtà musicali ben più grandi e ben più innovative: oltre ai nomi già citati, questa è roba che i Melvins, nella loro prima incarnazione, avevano teorizzato e messo in pratica molti anni fa, e che gli Esoteric hanno estremizzato e portato al grado di pesantezza attuale. Nonostante tutto, “The Trident” rimane un bellissimo esempio di come si possa suonare doom estremo e risultare ancora parecchio interessanti, nel 2006.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.