[Doom/Stoner Metal] Electric Wizard – Black Masses (2010)



http://www.myspace.com/electricwizarddorsetdoom
http://www.riseaboverecords.com/home

Difficile scrivere degli Electric Wizard dicendo qualcosa che ancora non è stato detto. Stiamo parlando di una formazione che ha scritto un pezzo di storia della musica: nella sua nicchia, beninteso, ma è comunque stata una delle band che più hanno influenzato l’underground nell’ultimo decennio, venerata e rispettata da miriadi di gruppi intenti a scandagliare i recessi più cupi e minacciosi del doom, dello stoner, della psichedelia più malata e distorta. Nel loro curriculum possono vantare almeno un paio di capolavori, “Come My Fanatics…” (1997) e “Dopethrone” (2000), più una manciata di altri buonissimi dischi, ognuno dei quali contiene almeno tre – quattro episodi di grande interesse.

Poi gli anni passano per tutti, le idee non sono infinite, il rock è spietato verso i suoi adepti, e inevitabilmente anche i migliori perdono un po’ di smalto.

Così “Black Masses”, loro settimo album, non contiene grossi elementi di novità rispetto a “Witchcult Today” (2007), anzi ne è una sua ideale prosecuzione, sin dall’iconografia e dai temi trattati, ancora una volta totalmente incentrati su magia nera e occultismo, con contorno di streghe discinte e immagini tratte dalle pellicole cult di Jess Franco, Jean Rollin e registi simili. La produzione, sporchissima, è identica a quella del suo predecessore, e anche a livello compositivo sono poche le differenze: riaffiora un po’ di stoner psichedelico a scapito dello sludge, ma in generale i nuovi brani sono un semplice affinamento dei loro diretti antecedenti. Un suono meno pesante e più classico, quindi, maggiormente controllato, una ricerca della ‘forma – canzone’ che in questo nuovo lavoro si è fatta ancor più accentuata: non c’è più spazio per la violenza delirante di brani come “Funeralopolis” o “We, the Undead”. Si sarebbe tentati di dividere il disco in due parti. La prima è la più vicina al doom metal duro e puro: “Black Mass” sfodera il riff più sabbathiano che gli Electric Wizard abbiano mai scritto, e pure nelle successive “Venus in Furs” (nessuna parentela con i Velvet Underground) e “The Nightchild” l’atmosfera è vicina a St. Vitus, Pentagram e affini, ovviamente un po’ inacidita e stravolta dall’ossessività ritualistica tipica del complesso. Fra l’altro, i tempi sono anche abbastanza ‘veloci’ per i loro standard. In “Patterns of Evil” inizia a filtrare qualche scampolo di stoner in più (vedi l’assolo di chitarra). Con “Satyr IX” il riffing si sfilaccia, i tempi rallentano e iniziano a circolare rumori e ronzii vari. “Turn Off Your Mind” è acid rock bello carico, “Scorpio Curse” è un numero di putrido stoner – sludge nella loro miglior vena, mentre il compito di chiudere i giochi è affidato a “Crypt Of Drugula”, suite strumentale per feedback e cacofonie assortite.

L’irruenza dei primi tempi è diminuita, ma lo stile è rimasto unico ed inimitabile. Senza esser un capolavoro, “Black Masses” è un’altra ottima opera da parte degli inglesi, che anche in questa seconda fase del loro percorso artistico rimangono dei fuoriclasse.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.