Music Attitude

[Epic Metal] Manilla Road – Voyager (2008)


Tomb Of The Serpent King / Butchers Of The Sea – Frost And Fire – Tree Of Life – Blood Eagle – Voyager – Eye Of The Storm – Return Of The Serpent King – Conquest – Totentanz (The Dance Of Death)

http://truemetal.org/manillaroad/
www.mygraveyardproductions.com

Il nuovo album dei Manilla Road è leggermente meno epico del precedente “Gates Of Fire”, molto meno progressivo di “Atlantis Rising”, più convincente e compatto di “Spiral Castle”, fortemente intriso di atmosfere doom e sonorità acustiche. Queste le maggiori differenze rispetto alla loro produzione più recente. Per il resto ogni fan della band di Wichita sa perfettamente cosa aspettarsi da un loro disco: puro metallo grezzo e barbarico, nel quale passaggi ricchi di pathos mitologico (questa volta i nove brani sono interamente dedicati alle gesta dei Vichinghi) si alternano a momenti più riflessivi ed a lente discese negli abissi. I riff e gli assoli di chitarra badano come sempre all’essenziale, fregandosene altamente di inutili tecnicismi, tesi unicamente a sprigionare emozioni e visioni d’altri tempi (quelle che riuscivano a creare i grandi gruppi degli anni Ottanta, per intenderci). Difficile segnalare delle canzoni in particolare, dato il livello piuttosto uniforme di “Voyager”: probabilmente a brillare particolarmente è il trittico centrale “Blood Eagle (dalla magniloquente introduzione d’organo), “Voyager” (esaltante il chorus, tra le cose migliori della loro carriera) e “Eye Of The Storm” (un’ottima ballad), ma ogni pezzo merita un ascolto approfondito.

Ovviamente, dopo aver passato in rassegna i punti di forza del disco, è necessario segnalare anche le pecche presenti nello stesso: una su tutte la produzione. Certamente la musica dei Manilla Road non necessita delle superproduzioni patinate tanto in voga negli ultimi anni, ma un suono meno amatoriale e leggermente più chiaro e definito sarebbe utile per esaltar maggiormente le doti del gruppo. Altra nota dolente è, purtroppo, la voce di Mark Shelton: non che il fondatore del complesso abbia mai avuto doti canore eccezionali; ma il suo lamento sgraziato si è sempre adattato perfettamente al sound del gruppo, sottolineandone il carattere essenziale e battagliero. In “Voyager”, però, la sua prestazione è fin troppo sottotono e monocorde (ahimè, gli anni passano per tutti…).

Ciò detto, il tredicesimo full – length degli Statunitensi rimane un grande esempio di come, nel 2008, si possa ancora scrivere musica terribilmente retrò ma, allo stesso tempo, terribilmente affascinante. Ogni fan del gruppo è caldamente consigliato all’acquisto.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.