[Epic/Viking metal] Falkenbach – Heralding The Fireblade (2006)

Heathen Foray – Of Forests Unknown – Havamal – Roman Land – Heralder – Laeknishendr – Walkiesjar – Skirnir – Gjallar (bonus track)

www.falkenbach.de
www.napalmrecords.com

Il quarto disco dei Falkenbach, vero e proprio progetto personale di Vratyas Vakyas, si pone come punto di arrivo delle precedenti esperienze, a partire dalla scaletta che presenta l’album: infatti, oltre ad alcuni pezzi totalmente nuovi, vengono ripescate e riarrangiate alcune pietre miliari del passato del gruppo. Infatti, l’opener “Heathen Foray” altro non è che una rielaborazione di “The Heathenish Foray”, già presente su “Magni Blandinn Ok Megintiri”, “Laeknishendr” è la riregistrazione di uno dei brani migliori di “En Their Medh Riki Fara”, il loro storico debutto, e “Havamal” è una delle loro prime canzoni, ripescata direttamente dai primi demo. Con queste premesse è facile intuire che anche la cifra stilistica di “Heralding” sarà varia e composita: le influenze folk del precedente “Ok Nefna Tysvar Ty” non vengono del tutto abbandonate, come indicano chiaramente i violini sintetizzati presenti in “Heralder”, oppure le atmosfere sontuose e melodiche di “Havamal”, nella quale l’elemento corale la fa da padrone. Ma accanto a questi momenti di maestosa calma il buon Vratyas ha pensato di tornare a picchiare duro come ai tempi dell’esordio: song come “Of Forest Unknown” e “Roman Land”, infatti, colpiscono nel segno con il loro attacco di puro viking – black metal, sostenute da uno scream particolarmente efficace; e non si deve neppure tacere della già citata “Laeknishendr”, che non perde un’oncia della sua arrembante cattiveria (anzi, grazie a una nuova registrazione maggiormente nitida sembra quasi acquistarne). I Falkenbach sono quindi arrivati ad avere un preciso baricentro musicale, situato a metà strada tra l’epico assalto all’arma bianca degli esordi e l’indole maggiormente meditativa che ha caratterizzato il loro passato prossimo. Detto questo, la narrazione dell’universo magico – mitico basato sulle antiche gesta e credenze dei Vichinghi rimane la costante immutabile della loro arte, e non cessa di esercitare un grandissimo fascino anche in quest’opera. Per tutti i fan di gruppi quali Bathory, Thyrfing, primi Vintersorg, Nachtfalke, ecc. un acquisto caldamente consigliato.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.