Music Attitude

[Gothic Metal] Lacrimosa – Sehnsucht (2009)

 

Die Sehnsucht In Mir – Mandira Nabula – A.u.S. – Feuer – A Prayer For Your Heart – I Lost My Star In Krasnodar – Die Taube – Call Me With The Voice Of Love – Der Tote Winkel – Koma

http://www.lacrimosa.ch
http://www.hall-of-sermon.de

Ho sempre nutrito grande stima verso i Lacrimosa e i loro intenti artistici. Partiti con la darkwave dura e pura di “Angst”, album dopo album hanno saputo progredire in modo stupefacente e costruire un suono che, a tutt’oggi, è unico nell’ambito del gothic metal. Merito di Tilo Wolff, uno dei pochi musicisti in campo rock a conoscere in profondità la musica classica, e uno dei pochissimi a saperla fondere con le chitarre elettriche senza quasi mai scadere in forzature o in composizioni grottesche e pacchiane. Merito anche dell’inserimento, a partire dal fondamentale “Inferno”, di Anne Nurmi quale anima femminile dell’ormai inscindibile duo.

“Sehnsucht”, decimo album in studio, prosegue e migliora il discorso intrapreso quattro anni orsono con “Lichtgestalt”, probabilmente uno dei lavori peggiori dei Lacrimosa. Nel nuovo capitolo, infatti, il tentativo di ridimensionare la sovrabbondanza sinfonica di “Echos” – apice del loro sinfonismo neoromantico – e di scrivere brani più snelli e bilanciati nelle loro varie componenti, si rivela più felice e meglio condotto. Vengono recuperate certe suggestioni da “Stille”, come in “Der Tote Winkel” (il duetto Anne – Tilo), e in generale la tensione fra le orchestrazioni magniloquenti e gli scatti metallici tiene in quasi tutti i dieci episodi del disco (eccezion fatta per la conclusiva “Koma”, legnosa nell’arrangiamento e banale nella melodia). Dopo l’ascolto, rimangono impresse nella memoria le atmosfere monumentali di “Die Sehnsucht In Mir”, le chitarre sferzanti e la voce esacerbata di Tilo in “Miranda Nabula”, le alternanze tra pieni e vuoti orchestrali dell’oscura “A.u.S.”, i chiaroscuri della sofferta “Die Taube”, le bordate rock della composita “Feuer”.

Buon disco e ritorno dell’ispirazione per il duo finnico – tedesco: questo è ciò che rappresenta “Sehnsucht”. Tuttavia rappresenta anche la definitiva stasi del loro suono e del loro modo d’intendere la musica. Non solo non compare nessun elemento inedito, che non sia stato già inglobato e metabolizzato nei nove album precedenti, ma è anche arduo pensare che nei dischi futuri i Lacrimosa abbiano la voglia e l’ardire di ripensare e modificare, almeno parzialmente, il loro consolidato stile. Stile che, d’altra parte, è stato plasmato in quasi vent’anni di carriera, che ancora nessuno è stato in grado di copiare o, quantomeno, di avvicinarvisi, e che sa ancora trasmettere emozioni importanti. Molte band si trovano in crisi d’idee già al terzo full – length, loro riescono a comporre musica pregevole dopo tutti questi anni. Superiori.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.