[Grindcore – Death Metal] Terrorizer – Darker Days Ahead (2006)

Inevitable (intro) – Darker Days Ahead – Crematorium – Fallout – Doomed Forever – Mayhem – Blind Army – Nightmare – Legacy Of Brutality – Dead Shall Rise V.06 – Victim Of Greed – Ghost Train (outro)

www.centurymedia.com
www.terrorizer.us

Dopo diciassette anni di silenzio, torna a far parlare di se una leggenda del grindcore più articolato: i Terrorizer, con il solo, storico album "World Downfall", sono stati in grado di segnare in modo indelebile la storia della musica estrema, riuscendo a costituire un vero e proprio supergruppo di estremisti sonori. Oggi si ripresentano con una formazione per due quarti fedele all'originale (Pintado alla chitarra e Sandoval dietro le pelli), un gravissimo lutto (è di pochi mesi fa la notizia della morte dello stesso Pintado), e un disco nel quale il tempo pare essersi fermato. "Darker Days Ahead" riparte infatti dalla stessa micidiale miscela di death metal, grindcore chirurgico e hardcore alla Discharge che aveva elevato a rango di classico il suo lontano predecessore: che non siano state operate cesure di sorta lo dimostra la rielaborazione di "Dead Shall Rise", già presente su "World Downfall" e qui rinominata "Dead Shall Rise V.06". Altri segni di netta continuità rispetto alla tradizione sono costituiti dall'artwork e dai testi di ogni singolo pezzo, come sempre a metà strada tra Napalm Death ed Extreme Noise Terror. Qualche lieve differenza è riscontrabile solamente nell'approccio più lento e pesante di alcuni pezzi, ma nel complesso è evidente il risvolto nostalgico che influenza l'intera operazione: ovvio quindi che la nuova emissione non regga il confronto con il passato, sia per ispirazione sia per l'ineluttabile trascorrere del tempo e dell'evoluzione musicale. "Darker Days Ahead" rimane però un buon disco, a tratti ottimo, onesto e diretto, ideale per tutti quelli che sono cresciuti con i mostri sacri del death e del grind: e rimane un epilogo più che degno per la carriera del grande Jesse Pintado, che tra Napalm Death, Lock Up e gli stessi Terrorizer ha scritto pagine indimenticabili nella storia del metal più viscerale.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.