Music Attitude

[Hard Rock] Motley Cure – Carnival Of Sins (2006)

CD #1: Shout At The Devil – Too Fast For Love – Ten Seconds To Love – Red Hot – On With The Show – Too Young To Fall In Love – Looks That Kill – Louder Than Hell – Live Wire – Girls Girls Girls – Wild Side
CD #2: Don’t Go Away Mad (Just Go Away) – Primal Scream – Glitter – Without You – Home Sweet Home – Dr. Feelgood – Same Old Situation – Sick Love Song – If I Die Tomorrow – Kickstart My Heart – Helter Skelter – Anarchy In The UK

http://www.motley.com
http://www.spv.de

E così anche per la ditta Sixx, Lee, Neil, Mars si chiude il cerchio della reunion con paccottiglia assortita. A testimonianza dell’ultimo tour, che ha avuto forse molto più successo del previsto, esce in due volumi questo live. In effetti l’utilità dell’ennesima raccolta è piuttosto dubbia: da una parte è stato pubblicato da poco un ottimo doppio greatest hits (Red, White & Crue, per me la migliore retrospettiva sulla band) e dall’altra i Crue non sono certo la band più affidabile dal punto di vista live. A parte lo spettacolo visivo e l’energia sprigionata dai quattro tossici, troppo spesso, come testimoniano i bootleg, la tecnica veniva lasciata un po’ da parte. Sì, sto pensando a Vince Neil obeso e senza più voce. Comunque per questo (ultimo?) tour i Motley hanno cercato di assumere meno alcool e droghe e sono stati in grado di offrire prestazioni convincenti. Ovviamente la scaletta rigetta tutto quanto sia stato composto negli anni ’90, andando a pescare solo le vecchie glorie: in particolare il primo volume si concentra sui vecchi classici come ‘Shout At The Devil’, ‘Girls Girls Girls’, ‘Looks That Kill’ e presenta i picchi di energia nelle belle mazzate come ‘Red Hot’, ‘Wild Side’ e ‘Live Wire’; il secondo volume invece ruota intorno al classico Dr. Feelgood, più qualche inedito recente, con in particolare un ampio spazio soft con  ‘Glitter-Without You-Home Sweet Home’. Anche conoscendo i precedenti della band, non viene da chiedersi quanto sia stato ritoccato in studio il tutto, dato che il gruppo ha scelto una registrazione piuttosto grezza  e in una grande arena: il tutto suona come un bootleg di qualità che cerca di bilanciarsi tra suoni non certo cristallini e volumi non proprio ottimali e che punta tutto sull’impatto di suoni potenti e sporchi. La band fa una discreta figura, con Vince Neil in buona forma e l’animale Tommy Lee a fare la parte del leone con una grandissima prova dietro le pelli. Personalmente i Motley me li gusto molto di più in versione studio, ancora di più guardando i video, ma ritengo comunque l’album onesto. Acquisto obbligato per i fan, oppure per chi trova ‘troppo anni 80’ il sound della band e vuole goderseli in maniera più grezza e potente.

M.B.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.