[Hard Rock] Nashville Pussy – From Hell To Texas

 

[Hard Rock] Nashville Pussy – From Hell To Texas (2009)

Speed Machine – From Hell To Texas – Drunk Driving Man – Lazy Jesus – I’m So High – Ain’t Your Business – Dead Men Can’t Get Drunk – Late Great USA – Pray For The Devil – Why Why Why – Stone Cold Down – Give Me A Hit Before I Go

http://www.nashvillepussy.com
http://www.spv.de

C’è una famosa canzone degli ZZ Top che s’intitola “Beer Drinkers & Hell Raisers”; la cito perché credo che il suo titolo possa descrivere l’attitudine e lo spirito dei Nashville Pussy meglio di mille parole, meglio di lunghe e dettagliate analisi musicali. Sin dal suo esordio, “Let Them Eat Pussy”, il quartetto di Atlanta rappresenta il lato più diretto, viscerale, sporco e maleducato del rock’n’roll. D’altra parte Ruyter Suys, chitarrista nonché moglie del cantante Blaine Cartwright, non fa mistero dei moventi alla base della nascita del suo gruppo: “Eravamo stanchi di vedere e sentire band che proponevano il solito rock radiofonico, scorrevole e levigato, ma privo di una vera anima; così abbiamo deciso di suonare la musica che ci sarebbe piaciuto sentire”. E, arrivati al quinto album in studio, la musica che amano è sempre la stessa.

Per la verità “From Hell To Texas” si differenzia dai loro precedenti lavori per una ricerca delle radici ancora più marcata: rimangono le influenze punk, rimangono i Motorhead, ma gli accenti southern rock e blues rock non sono mai stati così presenti. Il suono di Lynyrd Skynyrd, Molly Hatchet e dei loro moderni epigoni, Black Crowes e Black Label Society, spogliato di ogni orpello e reso il più ruvido e grezzo possibile, viene riproposto in pezzi ad altra gradazione alcolica (e non solo…) come “I’m So High”, “Pray For The Devil”, “Stone Cold Down” e “Give Me A Hit Before I Go”, senza dimenticare il bluesaccio di “Lazy Jesus”, con tanto di armonica a bocca e riff che non ti si schioda più dalla testa. C’è anche molto street rock in questo disco, e brani quali “Speed Machine”, la title – track e soprattutto “Drunk Driving Man” sono lì a testimoniarlo: in questi episodi riff e assoli a metà strada fra L.A. Guns e Hanoi Rocks la fanno da padrone. Nel frattempo la voce roca e sguaiata di Blaine non smette mai di mordere.

I Nashville Pussy guadagnano in impatto e foga adrenalinica tutto quello che perdono in termini di originalità e innovazione. A loro basta qualche variazione sul tema, qualche aggiustamento di traiettoria disco dopo disco, e sono sempre in grado di offrire la musica giusta per un party selvaggio. Hanno mosso i primi passi nel 1996 con il dito medio ben alzato, e da quel momento in poi non hanno mai cessato di sventolarlo in faccia a chiunque passasse di fronte a loro. “From Hell To Texas” è solo un altro, esaltante capitolo di una saga grondante alcol, sudore e sesso. Rock on!

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.