[Industrial Metal] Ministry – Rio Grande Blood (2006)

Rio Grande Blood – Senor Peligro – Gangreen – Fear (Is Big Business) – Lieslieslies – The Great Satan – Yellow Cake – Palestina – Ass Clown – Khyber Pass

www.thirteenthplanet.com
www.ministrymusic.org

Ormai l’abbiamo capito tutti: Al Jourgensen odia così intensamente Bush che quest’ultimo è diventato la sua fissazione assoluta, almeno da due album a questa parte. Peccato che questa nuova vena polemica anti – militarista e questo livore verso l’attuale governo Statunitense sembrino funzionali a nascondere il netto isterilimento creativo che sta colpendo sempre più l’ispirazione di Al. A nulla serve, infatti, avere in formazione gente del calibro di Tommy Victor (Prong, Danzig) e Paul Raven (Killing Joke, Prong), se il songwriting risulta piatto e scontato. Purtroppo non uso queste due parole a caso: “Rio Grande Blood”, già al secondo ascolto, mostra la corda, risultando un indigesto calderone di clichè speed – industrial metal presi a prestito dal loro storico disco “Psalm 69”; ma infinitamente meno ispirato e totalmente anacronistico. Per più di 50 minuti si assiste ad un cieco bombardamento di beat elettronici e di sciabolate thrash (a dir la verità ormai c’è molto più metal che elettronica), con il piede quasi sempre fisso sull’acceleratore: per i primi due pezzi il gioco tiene, dopodichè la noia prende il sopravvento. Ci si rende conto che avevamo già sentito tutto questo, e per giunta fatto mille volte meglio: basta rispolverare il micidiale trittico “The Land Of Rape And Honey – The Mind Is A Terrible Thing To Taste – Psalm 69” per averne la sicurezza. In quanto a bruttezza, il già mediocre “Houses Of The Molè” risulta ampiamente superato. Certo, ascoltato a tutto volume “Rio Grande Blood” può comunque dispensare forti dosi di adrenalina, ma fa male al cuore realizzare come un gruppo enorme, che tra la fine degli Ottanta e l’inizio dei Novanta aveva creato una perfetta fusione fra gli incubi dell’elettronica e quelli del rock estremo, sia caduto così in basso. Meglio allora i Ministry incompiuti ma più coraggiosi di “Filth Pig”, rispetto a questa rilettura posticcia del loro momento d’oro. La domanda è sempre la stessa: che significato ha per i Ministry fare uscire un disco così, nel 2006?

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.