Music Attitude

[Industrial / Post Rock] Jesu – Conqueror (2007)

Conqueror – Old Year – Transfigure – Weightless And Horizontal – Medicine – Brighteyes – Mother Earth – Stanlow

http://www.avalancheinc.co.uk/jesu.html
http://www.hydrahead.com

Per chi scrive, il nuovo full – length del superduo (ora però con l’aggiunta di un terzo membro, Diarmiud Dalton) Broadrick – Parsons si delinea come prima, vera delusione di questo 2007 da poco iniziato. Sono passati appena due anni dall’uscita dell’omonimo capolavoro, disco in grado di rinverdire i fasti di Godflesh e Swans (rispettivamente, le band madri di Broadrick e Parsons), e di farlo tenendo conto del mutare dei tempi.

Purtroppo, “Conqueror” è decisamente sottotono rispetto a quanto fatto finora da Jesu, compreso l’ottimo EP di qualche mese fa, “Silver”. Permane, in parte, la componente psichedelica e malinconica che era servita per svecchiare il tipico suono industrial – doom dei Godflesh, e che era risultata fondamentale nel fornire la cifra stilistica al gruppo. Ma, accanto a questa, mancano quasi del tutto le atmosfere cupe e grondanti malessere esistenziale del debutto, capaci di sprofondare l’ascoltatore in un vero e proprio calvario emotivo. Salvo qualche episodio riuscito e maggiormente memore del passato, come “Old Year”, per il resto dei quasi sessanta minuti di durata di “Conqueror”, più che la lacerazione interiore è la noia a farla da padrone. Tutto sembra pacificato, fluttuante in un limbo di “aurea mediocrità”: svanita quasi del tutto la pesantezza doom degli esordi, con il suo carico di bassi profondi e discese nel buio, e normalizzate le spigolosità più propriamente industriali, tutto ciò che resta è una quieta e meditativa musica per tastiere avvolgenti e chitarre addomesticate, ai limiti del pop (la title track è forse il migliore esempio del nuovo corso). Si percepisce da subito che non c’è nerbo e passione in questa loro apertura al post rock tout court, i brani si susseguono l’un l’altro lasciando una sensazione di incompiutezza e, soprattutto, confondendosi fra di loro. Manca mordente, e giunti al termine dell’ascolto si ha l’impressione di aver a che fare con un album né carne né pesce, privo di una sua dimensione autonoma.

Il passaggio da duo a trio non ha certo giovato a Jesu, che mai come adesso pare intrappolato in un non luogo a procedere, tra post rock scontato, psichedelia all’acqua di rose e tentazioni pop mal espresse. Sperando che Justin e compagni si riprendano presto, è d’obbligo segnalare la brutta battuta d’arresto.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.