Music Attitude

[Melodic Death/Thrash Metal] Arsis – Starve For The Devil (2010)


http://www.myspace.com/arsis
http://www.nuclearblast.de/

A due anni dall’ultimo “We Are The Nightmare”, tornano gli Arsis con il loro quarto album in carriera. In quasi dieci anni d’attività la band è riuscita ad aggregare un discreto numero di fan, grazie a una particolare fusione fra death metal tecnico à la Necrophagist e tonnellate di melodia svedese; americani della Virginia, con la scena metal del loro paese non hanno quasi nulla a che spartire, tanto che dopo un ipotetico ‘blindfold test’ il 99% degli ascoltatori collocherebbe il gruppo fra Göteborg e la Germania.

Oggi però il loro stile è mutato piuttosto nettamente. “Starve For The Devil”, infatti, ci presenta il quartetto in piena sbornia per il thrash degli Eighties e per il metal della NWOBHM. Addirittura, in alcuni brevi passaggi si possono udire accenti power metal (Forced To Rock). Comunque, anche se la cesura rispetto al passato è più che evidente, non si tratta di uno sconvolgimento totale. Rimane il gusto per il melodismo dei Dark Tranquillity e dei primi In Flames (From Soulless To Shattered), e le composizioni continuano a reggersi su passaggi arzigogolati e inclini alla dimostrazione di bravura tecnica ed esecutiva. Eppure il tutto assume contorni sfacciatamente rock, un senso di sano divertimento pervade il disco. Gli Arsis mulinano riffacci riesumati dal 1986 o giù di lì, scandagliano la bay area e il bacino della Ruhr, si fermano ad ammirare i primi bagliori dell’acciaio britannico, shakerando i vari ingredienti all’interno di una produzione limpida e cristallina.

Questo cd ha già scatenato reazioni contrastanti tra il pubblico. Molti lo giudicano un passo indietro, un guazzabuglio di poco conto, troppo confuso e troppo poco death metal. Al contrario, a me non è dispiaciuto. Certo è molto ruffiano, e nei suoi momenti peggiori rischia di ricordare una sorta di ibrido fra i Children Of Bodom più pacchiani e i The Haunted più mosci. Ma non tutto è così, anzi; molte canzoni sono divertenti e strafottenti al punto giusto, la fusione fra thrash, death, spunti classic metal e suoni contemporanei risulta quasi sempre azzeccata, e brani quali “The Ten Of Sword” e “Half Past Corpse O’Clock” si fanno riascoltare più che volentieri. Nulla di eccezionale, ma per trascorrere quaranta minuti lontani dal mondo e dal suo intrico di problemi “Starve For The Devil” è perfetto.

Stefano Masnaghetti

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.