Music Attitude

[Metalcore/Sludge] Raging Speedhorn – Before The Sea Was Built (2007)


Everything Changes – Before The Sea Was Built – Dignity Stripper – Mishima – The Last Comet From Nothingness – Born To Twist The Knife – Who Will Guard The Guards – Too Drunk To Give A Fuck – Sound Of Waves – Jump Ship

www.ragingspeedhorn.co.uk
www.spv.de

Qualche hanno fa avrei indicato proprio i Raging Speedhorn tra i nomi più interessanti per lo sviluppo del metal estremo nel terzo Millennio: "We Will Be Dead Tomorrow" rimane un capolavoro di sludge – core, in grado di fondere in una sola colata di catrame i riff dei Black Sabbath e gli scatti epilettici dell'hardcore più selvaggio. Poi, dopo un album più incerto come "How The Great Have Fallen", arriviamo a questo "Before The Sea Was Built". Che delude su tutta la linea, e mostra i Britannici in piena crisi compositiva.

A partire dalla durata (28 miseri minuti, e a questo punto sarebbe più giusto considerarlo un mini), e proseguendo con il contenuto, l'amaro in bocca aumenta ascolto dopo ascolto. Le influenze più propriamente sludge e doom sono andate quasi tutte a farsi benedire, rimpiazzate da un banale riffing metalcore di ultima generazione (avete capito bene, roba tipo As I Lay Dying e Shadows Fall, per citare solo i più noti), naturalmente appesantito rispetto agli originali: resta il fatto che le nuove canzoni non mordono, non hanno tiro e si perdono in un mare di luoghi comuni. Anche il nuovo cantante, Bloody Kev, non convince affatto, intento com'è a emulare gli "emo screamer" più a la page di oggi. Alcuni brani buoni si trovano ancora: "Who Will Guard The Guards" si avvicina ai fasti del passato, ma accanto a poche scelte azzeccate balzano alle orecchie cadute di tono francamente imbarazzanti; è il caso di "The Last Comet From Nothingness", dalle armonizzazioni maideniane (ma più che gli Iron vengono alla mente i Trivium!), oppure della pessima imitazione dei gloriosi Breach nella traccia d'apertura.

Si potrebbero citare casi singoli ancora a lungo, ma il succo del discorso è questo: la forza dei Raging Speedhorn si basava sulla dicotomia tra parti lente e soffocanti contrapposte alle detonazioni di ultravelocità HC / crust. Ora che il primo termine manca quasi completamente ed il dualismo è rotto, quel che rimane è solo noia e irritazione. Dimenticatevi quello che hanno composto in passato, questo disco è semplicemente inutile e da evitare accuratamente.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.