[Post Metal] Kollwitz – Like Iron I Rust (2010)



http://www.myspace.com/kollwitztheband
http://tigernet.no/shop/fysiskformat.php

Se leggete sul loro MySpace, i Kollwitz stessi sapranno fornirvi un’esauriente descrizione della musica che suonano, basata “su lunghe e accurate progressioni, vaste gamme dinamiche e contrasti fra belle melodie e rumori brutali”. Tutto perfetto, “Like Iron I Rust”, loro debut album, suona proprio così. Anche se il sestetto norvegese ha dimenticato di precisare che le cosiddette ‘belle melodie’, quando ci sono, vengono prontamente deturpate e sfibrate da pesantissimi passaggi sludge, schizzi postcore nero pece e urla infernali, con l’eccezione di “And The Stars Did Wander”, etereo brano strumentale chiaramente influenzato dal post rock, sorta di ibrido fra gli ultimi Red Sparowes e i Mogwai più romantici, e l’altro piccolo intermezzo “Stille For Stormen”, in cui compare anche un violino in odore di Godspeed You ! Black Emperor. 

È proprio l’interazione fra certo post metal reso claustrofobico e apocalittico dal doom e dallo sludge (con piccole correzioni psichedeliche), e la loro anima hardcore e sperimentale a far viaggiare e rendere interessante la musica dei Kollwitz. “Like Iron I Rust” segnala al mondo un altro complesso che ha studiato devotamente i classici dei Neurosis, in particolare “Through Silver In Blood” e “A Sun That Never Sets”, e ora è impegnata a rileggerli in chiave personale, attraverso numerosi ascolti supplementari di Cult Of Luna, Isis e Pelican. Nonostante le fonti siano palesi, e di band che condividono questo stesso background musicale ce ne siano ormai a decine (centinaia?), gli scandinavi hanno una marcia in più. Riescono a far coesistere l’estrema disperazione – le Malebolge infere di “Green Line”, la marcia funebre in crescendo per chitarre dissonanti, rumori ambientali e accordi d’organo di “A Great Divide” – e inattesi squarci di pace – gli strumentali sopracitati, alcuni momenti di sospensione estatica della title track – con grande nonchalance, e con un gusto personale che raramente si riscontra, dato lo stile da loro adottato.

Un debutto coi fiocchi, non perfetto né rivoluzionario ma in grado di catturare l’attenzione di chi è alla ricerca di variazioni intelligenti sui temi di Neurosis ed epigoni vari. I Kollwitz sono un nome da tenere a mente.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.