[Post – Metalcore] Zao – The Fear Is What Keeps Us Here (2006)


Cancer Eater – Physician Heal Thyself – Everything You Love Will Soon Fly Away – It’s Hard Not To Shake With A Gun In Your Mouth – Kingdom Of Thieves – Killing Time Til It’s Time To Die – There Is No Such Thing As Paranoia – Purdy Young Blondes With Lobotomy Eyes – My Love, My Love (We’ve Come Back From The Dead) – American Sheets On The Deathbed – A Last Time From Everything

www.ferretstyle.com
www.zaoonline.com

Prima considerazione: gli Zao sono tornati a fare quello che più compete loro, ossia picchiare duro, senza perdersi in inutili fronzoli e senza tentare improbabili ibridi sonori. “The Funeral Of God” era stato un esperimento coraggioso, questo è innegabile: ma cercando di utilizzare strutture più complesse e tortuose, il disco finiva per risultare troppo ostico e poco focalizzato, oscillando tra vecchio metalcore, death rallentato e improbabili spunti emo.
Il nuovo album rimette le cose a posto: snellito il songwriting e velocizzato il ritmo delle canzoni, “The Fear Is What Keeps Us Here” rappresenta un gradito ritorno all’urgenza e alla veemenza dei loro capolavori degli anni Novanta. La produzione di Steve Albini (un nome, una garanzia) fa ulteriormente risaltare la vivacità della sezione ritmica e l’abrasività dei riff di Scott Mellinger, unico chitarrista superstite dopo la dipartita di Russ Cogdell. Nonostante nelle recenti interviste i Nostri dicano apertamente di non considerarsi più una band cristiana, è ancora percepibile nella loro musica la visione irriducibilmente tragica che hanno del Cristianesimo: e proprio da questo profondo sentire spirituale scaturiscono dischi come il qui presente, segnati da violente dissonanze e da continue fratture che sfregiano il tessuto sonoro (cfr. “Everything You Love Will Soon Fly Away”, tra Converge e Coalesce), rappresentazioni di un’esistenza dominata dalla paura e dal senso della caducità di ogni affetto umano e di ogni possesso terreno. Pochissimi i cali di tensione lungo tutto il cd, grazie soprattutto al ritorno ad una concezione più diretta dei brani e ad una maggiore parsimonia di minutaggio (solo 38 minuti di durata, ideale per emissioni di questo tipo).
Li avevamo dati per spacciati troppo presto: questo album dimostra che gli Zao sono vivi e vegeti e con la voglia di annientare tutto, compresi i nostri pregiudizi.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.