Music Attitude

[Power Metal] Firewind – The Premonition (2008)

 

Into the Fire – Head Up High – Mercenary Man – Angels Forgive Me – Remembered – My Loneliness – Circle of Life – The Silent Code – Maniac – Life Foreclosed

http://www.firewind.gr/
http://www.centurymedia.com/

I Firewind sono uno di quei gruppi sui quali in passato ho riservato aspettative, tante, convinto potessero invertire, insieme ad altre quattro/cinque nuove sensazioni, il flusso di un genere che ormai da anni sta vivendo una lenta (e speriamo non incontrovertibile) decadenza.
A dire il vero, con questa recensione arriviamo un po’ in ritardo sulla tabella di marcia, giusto il tempo di accorgerci che The Premonition ha riscosso i consensi della critica di mezzo mondo e ottenuto discreto successo tra i metalhead. Sembra siano giunti, dopo quattro lavori, al necessario cambio di passo e a qualche mese dall’uscita ufficiale del disco, marzo duemilaotto, Outune.net ha maturato tempi e pensieri per dire la sua… a mente fredda.

The Premonition è un album che sarebbe fuorviante giudicare alla luce di questo power metal in condizioni così malconce e lo prendiamo per come si manifesta: un lavoro di cesello e una manovra di amalgama del repertorio antecedente, condito dalle solite banalità (nelle strutture e nei testi) che stanno deturpando il genere.
Dobbiamo fare i conti, una volta ancora, con la produzione eccellente alternata a composizioni impersonali, alle quali si aggiunge la banalissima cover di Maniac (Flashdance). Tanto metallo riciclato nel quale abbondano arrangiamenti forzati e le consuete soluzioni ritmiche, spezzato qua e là dagli ottimi (questi sì) assoli di chitarra elettrica (Gus G.) e dalla buona interpretazione vocale di Apollo Papathanasio.

Se basta così poco per far gridare al miracolo allora siamo messi male. The Premonition è un disco di maniera che non riuscirà a spodestare (e nemmeno lambire) i successi dei capisaldi. Dieci pezzi costruiti a tavolino seguendo attentamente il manuale del giovane power metaller, perché sono proprio loro, i giovani, che rischiano di cadere nella trappola di un parco brani elegante ma inconsistente. E a pensare che c’è in giro qualcuno che vuol farci credere che si tratta di un disco prodigio. Non scherziamo.

Gaetano Loffredo

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.