[Power Metal] Rage – Speak Of the Dead (2006)

Morituri Te Salutant – Prelude Of Souls – Innocent – Depression – No Regrets – Confusion – Black – Beauty – No fear – Soul Survivor – Full Moon – Kill Your Gods – Turn My World Around – Be With Me Or Be Gone – Speak Of The Dead

www.rage-on.de
www.nuclearblast.de

I Rage sono una delle migliori, se non la migliore al momento, power band teutoniche di vecchia data. Il grandissimo Peavey Wagner ne ha passate di tutti i colori e da qualche anno a questa parte vive un’era eccezionale con la sua band. Victor Smolski e Mike Terrana sono due interpreti totali del Rage sound, oltre a essere musicisti davvero strepitosi; il cerchio quindi sarebbe già chiuso e in parte lo è. Questo è un bel disco, punto.
Sarebbe riduttivo però liquidare il trio in questo modo. Intanto c’è una novità: il martellamento di “Soundchaser” viene sostituito, almeno per la prima parte del disco, dalla sperimentazione con la Lingua Mortis Orchestra: Smolski, tanto per non smentirsi, ha personalmente curato gli arrangiamenti e le composizioni orchestrali che hanno unito le forze con l’impatto tipico dei Rage. In sostanza fino a “Beauty” parliamo di un platter pomposo, sognante, curato e affatto heavy, in cui il pezzo più riuscito è a parere di chi scrive “No Regrets”. Probabilmente si sarebbe potuto risparmiare qualche intermezzo strumentale per rendere più continuo il cd, tuttavia è una nota marginale. Nelle sette tracks successive invece parliamo di un album d’impatto, tirato e cattivo, che riporta all’attenzione dell’ascoltatore il metallo che siamo abituati a sentire dalla band tedesca. In conclusione un platter che riprende discorsi interrotti anni fa e che cerca di unirli al mood degli ultimi, confermando che tecnica, passione e originalità sono doti appartenenti ai Rage anche quando i ragazzi non vanno a trecento all’ora.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.