[Power Metal] Triple Threat: Helloween vs Gamma Ray vs Primal Fear (2005)

Nel giro di un mese, tra fine settembre e fine ottobre, tre gruppi crucchi dal differente passato e tra loro legati in qualche modo più o meno direttamente, hanno immesso sul mercato i rispettivi nuovi full lentgth.

Helloween – Keeper Of The Seven Keys-The Legacy
The King For A 1000 Years – The Invisible Man – Born On Judgement Day – Plaesure Drone – Mrs. God – Silent Rain – Occasion Avenue – Light The Universe – Do You Know What You’re Fighting For – Come Alive – The Shade In The Shadow – Get It Up – My Life For One More Day
www.helloween.org
www.spv.de

Gamma Ray – Majestic
My Temple – Fight – Strange World – Hell Is Thy Home – Blood religion – Condemned To Hell – Spiritual Dictator – Majestic – How Long – Revelation
www.gamma-ray.com
www.sanctuaryrecords.com

Primal Fear – Seven Seals
Demons And Angels – Rollercoaster – Seven Seals – Evil Spell – The Immortal Ones – Diabolus – The Call – All For One – Of Death And Chaos – Carniwar – Question Of Honour – In memory
www.primalfear.de
www.nuclearblast.de

Chi rischia di più sono i capostipiti del power metal europeo, gli Helloween di Weikath e Deris, che hanno deciso di giocarsi il tutto per tutto riportando in auge un nome intoccabile come quello dello storico doppio “Keeper Of The Seven Keys”. All’epoca però Kai Hansen e Michael Kiske erano il cuore pulsante delle zucche e i due capolavori di allora sono impossibili soltanto da avvicinare per i pur bravi attori che suonano ora sotto il monicker Helloween. Nonostante alcuni brani ben confezionati e molto complessi (come la lodevole opener o la buona “Occasion Avenue”), “Keeper 3” non fa molta strada, è inutile girarci intorno. “Better Than Raw” e “The Dark Ride” divisero, per motivi diversi, i fans, ma erano lavori onesti, sentiti e validissimi, che si adattavano bene alla line-up e che non cercavano a tutti i costi di recuperare l’irrecuperabile mood power (a volte allegro e scanzonato altre regalmente epico e coinvolgente) a cui avevano abituato le zucche negli 80ies, proponendo ottima musica, sicuramente diversa dal passato ma di qualità. “The Legacy” è semplicemente un nuovo scialbo capitolo di un gruppo che ha oramai poco da dire, l’aggravante però in questo caso è pesante, visto che non era il caso di recuperare quel Keeper che contribuì a rafforzare un genere tanti anni fa.

I Gamma Ray di Kai Hansen invece oramai non rischiano più nulla. D’altra parte non ce ne sarebbe motivo, visto che il gruppo in questione è probabilmente l’esponente migliore del classico power europeo veloce, allegro ed esaltante. “Majestic” dà il meglio di sé quando corre, i Rays sanno bene come far salire l’intensità del pezzo fino a farla esplodere in chorus da cantare a squarciagola, come nel caso di “Fight” e “Condemned To Hell”. Il nuovo disco è di sicuro impatto, suona meglio di “Powerplant” e “No World Order”, ma è sostanzialmente la stessa cosa, ovvero sano headbanging e tanta adrenalina, anche se oramai i Rays hanno già detto tutto su questo tema da metà anni novanta, con i magnifici “Land Of The Free” e “Somewhere Out In Space”. In definitiva i Raggi Gamma propongono ciò che sanno fare meglio, a volte con buona volontà, altre limitandosi a confezionare un prodotto standard, dall’alto però di un’esperienza e di un’abilità che in pochi possono vantare nel campo power.

E quindi veniamo ai sorprendenti vincitori di questo scontro virtuale, la sorpresa sono i Primal Fear, che recitano il ruolo di Chris Benoit a Wrestlemania 20 contro The Game ed HBK. Se non seguite il wrestling non è un problema: la band di “Popeye” Scheepers ha registrato un ottimo disco, che pur restando ancorato al classico sound teutonico, esplora territori orchestrali e maestosi raramente percorsi dai “cloni” dei Priest. Proprio quest’ultima definizione può essere lasciata da parte per questo platter, capace di regalare un compendio efficace di ciò che la band è in grado di comporre, presentando furia, drammaticità, irruenza e riflessione in diversi momenti (confrontate ad esempio la bellissima opener e la conclusiva “In Memory”). La capacità di emozionare e coinvolgere senza correre a tavoletta è una dote che è stata metabolizzata in pieno dal gruppo, ora più che mai in grado di fornire dodici brani di spessore, senza filler sentiti migliaia di volte in altre salse, vari e validi. Premiati quindi, a dispetto di una carriera meno ricca di soddisfazioni e fama rispetto ai più “titolati” Helloween e Gamma Ray. A questo giro Ralf e Matt Sinner hanno preso il jackpot, e se lo meritano in pieno.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.