Music Attitude

Septicflesh – The Great Mass

Probabilmente i nostalgici e fan di vecchia data continueranno a prediligere i primi album dei greci, quando ancora si chiamavano Septic Flesh e proponevano un buon death metal, di fattura però in certo qual modo ‘convenzionale’. Eppure il maggior contributo alla causa i fratelli Antoniou e compagni lo stanno dando adesso, ossia dopo la reunion di qualche hanno fa che ha prodotto un capolavoro del calibro di “Communion”, personalissimo e riuscitissimo esempio di come armonizzare death metal e musica sinfonica per celebrare l’oscurità più profonda in musica. Impresa non da poco, pensando a quanti si sono scottati giocando con gli stessi elementi, mentre pochissimi hanno saputo elevarsi al di sopra del pacchiano e del banale. Mi vengono in mente i migliori Therion e, in contesti diversi, i Rage e i Lacrimosa più ispirati. Merito dell’estro di Christos Antoniou quale compositore e dell’ottima orchestra filarmonica di Praga, perfettamente calata nella parte.

Squadra che vince non si cambia, così il nuovo “The Great Mass” vede presenti tutti i protagonisti dello scorso capitolo. E anche le sonorità e le strutture delle varie composizioni sono molto simili a ciò che si udì in “Communion”: stessa compresenza di blast beat violenti e riff spessi e scuri, stesso uso della doppia voce e di inserti corali e operistici (vedi la soprano che introduce “The Vampire From Nazareth”), stesso gioco delle parti fra pesantezza death metal e componente orchestrale. E quest’ultima è ancora risolta magistralmente: i Septicflesh (e qui sta gran parte del loro acume) hanno capito che rifare male Bach e Vivaldi non avrebbe avuto senso, e allora hanno deciso di sfruttare una moderna orchestra utilizzandola in senso ‘novecentesco’; pur restando sempre all’interno della tonalità, gli archi, i fiati (sentire, ad esempio, i terrificanti ottoni in “Five-Pointed Star”), le percussioni e in generale tutte le sezioni della filarmonica hanno un timbro cupo, abissale, livido, che potrebbe ricordare certo Hindemith o alcune delle composizioni più oscure di Stravinsky o persino di Berg (cfr. la splendida “Mad Architect”, in cui sono altresì presenti chiari riferimenti ai Meshuggah nella ritmica sghemba), arrivando a certi spunti sinfonici vicini al Penderecki delle sinfonie. Rimanendo in ambito metal, molte parti del lavoro potrebbero venir accostate ai Dimmu Borgir più in palla che si mettono a risuonare gli Arcturus de “La Masquerade Infernale” (cfr. “The Undead Keep Dreaming”, altro punto di forza del cd), mentre la produzione è quella tipica degli Abyss Studios di Tägtgren, cosa questa che potrebbe far storcere il naso a qualcuno.

Tutto perfetto come nel predecessore, quindi? Purtroppo no. Certo “The Great Mass” è un altro disco di grande valore, ma alcune imperfezioni a qualche calo di tensione impediscono di assegnargli il massimo dei voti. Tracce come la quasi banale “Rising” e la conclusiva “Therianthropy”, tentativo fallito di escogitare un ritornello melodico, fanno calare la qualità complessiva dell’opera. E la leggera diminuzione della componente orchestrale non giova al risultato finale. I Septicflesh si confermano dei fuoriclasse, ciò nonostante a questo giro non aspettatevi un capolavoro assoluto, solo un ottimo album.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.